Come funziona lo scudo fiscale

1' di lettura

Entrano anche case all'estero, yacht, quadri e gioielli. Non solo se producono redditi imponibili in Italia ma anche nel caso che "la produzione dei guadagni sia potenziale". Lo stabilisce una circolare dall'Agenzia delle Entrate

Potrà beneficiare dello scudo fiscale chi possiede case all'estero, yacht, quadri e gioielli, non solo se produce redditi imponibili in Italia ma anche nel caso che "la produzione dei predetti redditi sia soltanto astratta o potenziale". Lo stabilisce la circolare sullo scudo fiscale diffusa dall'Agenzia delle Entrate. Stesso discorso vale per tutti gli altri beni patrimoniali, come yacht, quadri di valore o gioielli, purché detenuti da prima del 31 dicembre 2008 in un Paese che garantisca un effettivo scambio di informazioni fiscali.

Leggi tutto
Prossimo articolo