Salari differenziati o niente sgravi, Cisl possibilista

1' di lettura

Mentre il ministro Sacconi avverte che senza accordo sulle gabbie salariali salteranno gli sgravi alle retribuzioni, Bonanni apre al governo a patto di tasse zero per i lavoratori in seconda fase di contrattazione aziendale e territoriale

Senza accordo su salari differenziati salteranno gli sgravi alle retribuzioni. L'avvertimento viene dal ministro del Welfare Maurizio Sacconi. I sindacati, a partire dalla Cisl non escludono l'ipotesi con il segretario Bonanni che dice: "Chiediamo al ministro Sacconi, ma anche a Bossi che si preoccupano di differenziare i salari in base alla produttività, di aiutarci a detassare completamente i salari dei lavoratori in seconda fase di contrattazione aziendale e territoriale". E sul tema è tornato anche Umberto Bossi che è convinto che alla fine il governo seguirà la strada indicata dalla Lega.

Leggi tutto