Fisco a caccia di evasori tra spiagge e ristoranti

1' di lettura

Nel mirino dell'Agenzia delle Entrate sono finiti parcheggi abusivi, locali notturni e stabilimenti estivi. Tenuti particolarmente d'occhio i possessori di beni di lusso e yacht

Niente vacanze per gli ispettori del fisco. Negli ultimi mesi l'Agenzia delle Entrate ha infatti condotto indagini in tutta Italia sulle attività "a maggior rischio evasione" nel periodo estivo e i risultati non sono mancati. Al setaccio soprattutto gli stabilimenti balneari della Riviera romagnola: 150 quelli controllati a Rimini, solo 34 quelli che hanno comunicato al fisco un reddito superiore ai 10mila euro. In Liguria invece sono state condotte indagini anche nel settore edilizio che hanno portato alla scoperta di consistenti sacche di evasione Iva non versata per oltre 2 milioni di euro.

Leggi tutto