Istat: Luglio a inflazione zero

1' di lettura

Erano cinquant'anni che non si registrava un tasso d'inflazione così basso. In crescita la disoccupazione dell'Eurozona: a giugno è salita al 9,4%. Si tratta del tasso più alto dal 1999

Inflazione azzerata a luglio. L'indice nazionale dei prezzi al consumo ha presentato una variazione nulla sia rispetto al mese di giugno 2009, quando era allo 0,5%, sia rispetto allo stesso mese dell'anno precedente.
Lo comunica l'Istat sottolineando che, in base alla stima provvisoria, l'indice armonizzato dei prezzi al consumo (Ipca) registra nel mese di luglio una variazione di -1,2% rispetto al mese precedente e una variazione di -0,1% rispetto allo stesso mese dell'anno precedente.

Erano cinquant'anni che non si registrava un tasso d'inflazione così basso. Per trovare un'inflazione più bassa di quella registrata a luglio, pari a zero, bisogna tornare infatti al settembre del 1959 quando il tasso era stato del -1,1%.

Cresce invece il numero di disoccupati in Europa. La disoccupazione dell'Eurozona a giugno è salita al 9,4%, dopo il 9,3% di maggio. Questo il dato diffuso da Eurostat, l'ufficio statistico dell'Unione Europea, il quale sottolinea che si tratta del più alto tasso dal 1999.

A giugno 2008 il dato era del 7,5%. Per l'Italia non ci sono cifre aggiornate. Guardando all'Ue a 27 stati membri, Eurostat rileva per giugno un tasso pari all'8,9% (il piu' elevato dal 2005) dopo l'8,8% di maggio. A giugno 2008 era del 6,9%. Eurostat stima che in totale nell'Ue i senzalavoro siano 21,526 milioni, di cui 14,896 nell'eurozona. Rispetto a maggio, questo dato rappresenta un incremento di 246.000 unità nella Ue, di cui 158.000 nell'eurozona. Se poi si confronta con il giugno 2008, si registra un aumento di 5,024 milioni nell'Ue, di cui 3,17 milioni nell'eurozona.
Eurostat rileva infine che nel giugno 2009 la disoccupazione giovanile (che riguarda gli under 25) è stata pari al 19,5% nell'Eurozona e al 19,6% nell'Ue-27.
A giugno 2008 le due cifre era rispettivamente del 15,2% e del 15,1% per cento.

Leggi tutto
Prossimo articolo