Presentato il Dpef alle parti sociali, ripresa nel 2010

1' di lettura

Il deficit pubblico si attesterà quest'anno al 5,3% per poi scendere al 5,0% il prossimo anno. Sono le ultime previsioni contenute nel documento di programmazione economica e finanziaria esaminato a Palazzo Chigi

I dati sull'aumento del deficit/Pil 2009 che supererà la soglia del 5% contenuti nel Dpef, sono gli stessi che il ministro dell'Economia Giulio Tremonti aveva detto "allarmistici e aveva negato" e ora "li scrive". Il ministro ha detto che la novità del Dpef di quest'anno è che "non ci sono novità". Le altre volte c'erano stati tagli e stangate. Noi confermiamo quello che abbiamo fatto lo scorso anno e che continueremo a fare anche nella crisi: quindi su pensioni prestazioni e sicurezza non ci sono tagli". Il segretario generale Epifani: "Inammissibile il silenzio su pensioni e scudo".

Leggi tutto
Prossimo articolo