Pil, l'allarme di Draghi. Tremonti: silenzio su stime

1' di lettura

Il governatore di Bankitalia conferma la caduta del Pil 2009 attorno al 5%, e avverte che per superare la crisi bisogna sostenere i consumi. Per Tremonti "la pioggia di dati e previsioni diffondono sfiducia e incertezza

"Il Pil in Italia, se non continua a cadere e se non succede niente, alla fine dell'anno sarà sceso del 5%". Con queste parole il governatore della Banca d'Italia ha lanciato l'ennesimo allarme sulle condizioni dell'economia italiana. Tremonti ha ricordato che "la stessa Bankitalia qualche mese fa aveva previsto un -2%". "La pioggia di dati e previsioni di questi giorni è un modo per fare del male alla gente, diffondendo sfiducia e incertezza", ha aggiunto il ministro dell'Economia, proponendo a economisti e istituzioni un periodo di silenzio sulle stime fino a settembre.

Leggi tutto