Crisi, allarme della Ue: il Pil crolla del 2,5%

1' di lettura

Eurostat registra il calo record rispetto al trimestre precedente e del 4,8% rispetto allo stesso periodo del 2008. E' la flessione più marcata dalla nascita dell'eurozona

Il Pil dei Paesi della zona euro è crollato nei primi tre mesi dell'anno del 2,5% rispetto al trimestre precedente e del 4,8% rispetto allo stesso periodo del 2008. Si tratta del calo più marcato dalla nascita dell'eurozona. Lo ha reso noto Eurostat, confermando la stima dello scorso mese. Nell'Unione Europea a Ventisette, il Pil è sceso rispettivamente del 2,4% e del 4,5%. Per quanto riguarda i singoli Paesi, il dato peggiore è quello della Germania (-3,8%), seguita da Austria e Olanda (-2,8%) e quindi dall'Italia, dove il calo del Pil ha fatto segnare -2,4%.

Leggi tutto
Prossimo articolo