Marchionne tranquillizza Opel: non chiuderemo stabilimenti

1' di lettura

L'amministratore delegato della Fiat rassicura i sindacati tedeschi, che temono tagli per 9mila posti di lavoro. Ma intanto il governo di Berlino pone le condizioni per il via libera all'alleanza

Marchionne si sforza di dare garanzie: "Non vogliamo chiudere nessuna fabbrica in Germania, ma dovremo ridurre il personale". Una prospettiva che naturalmente piace poco al sindacato Opel, secondo cui il piano Fiat porterebbe a un taglio di 9-10 mila posti di lavoro. Il sindacato e il partito socialdemocratico restano al momento i più accaniti oppositori dello sbarco del Lingotto in Germania. Secono il quotidiano britannico Financial Times il governo tedesco avrebbe posto la bellezza di 14 condizioni da soddisfare per dare l'ok all'operazione, alcune delle quali decisamente restrittive.

Leggi tutto
Prossimo articolo

le ultime notizie di skytg24