Fiat-Opel, Angeletti: in gioco assetto mondiale del settore

1' di lettura

Il segretario generale della Uil si dice preoccupato che, per la fusione, la scelta degli stabilimenti da tenere in vita possa essere condizionata dal governo tedesco e non da motivazioni industriali. "Si creeranno sinergie ma anche sovrapposizioni"

"E' in gioco l'assetto mondiale dell'industria automobilistica". Il segretario generale della Uil, Luigi Angeletti, parla delle fusioni in corso tra Fiat, Opel e Chrysler e si dice preoccupato che la scelta degli stabilimenti da tenere in vita possa essere condizionata dal governo tedesco e non da motivazioni industriali o da una diversa efficienza degli stabilimenti. "Si creeranno sinergie ma anche sovrapposizioni", affrema Angeletti. I sindacati tedeschi frenano: "Con Fiat a rischio 10mila posti di lavoro".

Leggi tutto
Prossimo articolo