Alitalia, l'Ue dà il via libera a Cai. No a prestito ponte

1' di lettura

Dalla Commissione europea di Bruxelles è arrivato il semaforo verde per Cai ma è stato bocciato il prestito ponte da 300 milioni. Giudicato "aiuto di stato illegale", quindi dovrà essere rimborsato

La Commissione europea bolla come aiuto di stato illegale il prestito ponte concesso nell'aprile scorso dal governo alla Magliana: un privato, è la motivazione, non l'avrebbe fatto, non a quelle condizioni. Quei 300 milioni di euro dunque dovranno essere rimborsati entro 4 mesi, e a farlo sarà la Bad Company di Augusto Fantozzi, legittima erede, secondo i tecnici Ue, della ex compagnia di bandiera. Ma il piano della Compagnia Aerea Italiana riceve il via libera, sia pur condizionato. Parola d'ordine, vendita degli asset a prezzo di mercato e, dunque, discontinuità con Alitalia.

Leggi tutto
Prossimo articolo