Alitalia, proteste dei dipendenti dopo l'annuncio dell'Anpav

1' di lettura

Lavoratori divisi dopo l'annuncio dell'Anpav sulla disponibilità a firmare l'accordo-quadro con Cai. Voli regolari per la compagnia di bandiera negli scali di Fiumicino e Linate dove, in caso di fallimento di Alitalia, verrebbero meno 70 voli su 143

Al presidio permanente dei dipendenti Alitalia a Fiumicino viene rispedita al mittente la dichiarazione del presidente del Consiglio sull'assenza di alternative alla Cai, osservando che non è compito del capo del governo cercare un'interlocutore per l'azienda, ma del commissario straordinario Fantozzi. Intanto, mentre il presidente dell'Enac avverte che se entro 10 giorni la situazione non si risolve la compagnia potrebbe perdere la licenza, alcuni lavoratori appartenenti all'Anpav bruciano le deleghe al sindacato in segno di protesta.

Leggi tutto
Prossimo articolo