Alitalia resta a terra. Fantozzi: 'Non ci danno carburante''

1' di lettura

Lunedì il commissario straordinario attiverà le procedure di cassa integrazione per il personale di volo di 34 aerei già messi a terra. La trattativa in stallo rischia di far precipitare la compagnia verso il fallimento

La compagnia è sull'orlo del baratro. Già oggi, ha detto Fantozzi ai sindacati, si rischiavano 12 aerei fermi. Inoltre, il commissario straordinario ha poi riferito ai sindacati che chiederà l'estensione del commissariamento a tutte le società del gruppo. ''Non c'è nessun ultimatum. Il momento è molto serio, sono le parole di Fantozzi, riferite dai sindacati, ma bisogna essere ragionevoli e con i nervi saldi. La situazione finanziaria si aggrava. Io sono con la compagnia finché c'è. Un minuto dopo che non c'è più devo tutelare i creditori e i dipendenti''.
Il Commissario ha comunicato ai sindacati ''che fin da lunedì sarà richiesta l'estensione del commissariamento alle altre Società del Gruppo; la conferma del venir meno dell'efficacia dei contratti collettivi e decadenza al 30 novembre 2008 in forza della disdetta già comunicata al 25.09.2007; la prossima apertura della procedura per l'applicazione della cassa integrazione straordinaria per il personale direttamente o indirettamente interessato alla riduzione dell'attività di volo pari, oggi, a 34 aeromobili di lungo e medio raggio; la previsione di ulteriori provvedimenti collettivi in conseguenza della gravissima crisi che coinvolge tutte le realtà del Gruppo''. Fantozzi, conclude la nota della compagnia,''ha ascoltato le osservazioni delle parti sindacali e ha assicurato la massima attenzione per garantire, finché possibile, la normalità dei voli. Ha chiesto loro piena collaborazione e senso di responsabilità in questo momento particolarmente delicato della vita della Compagnia''.

Leggi tutto
Prossimo articolo