Milano, la pasticceria Cova riapre in occasione del bicentenario. FOTO

Il 7 aprile ha riaperto dopo tre mesi di lavori la storica "offelleria", da sempre sinonimo di pasticceria di lusso. Il locale di via Montenapoleone è stato ampliato e rinnovato, salvaguardando lo stile architettonico originale. LA FOTOGALLERY

  • ©LaPresse
    La storica pasticceria milanese “Cova” riapre duecento anni dopo la nascita e dopo i lavori di rinnovamento durati 3 mesi. Adesso può contare su circa 30 metri quadri in più e sull'utilizzo esclusivo di una parte dell'ampia corte interna – A Milano arriva il Salon du Chocolat 2017
  • ©Fotogramma
    I lavori hanno puntato a un ammodernamento preservando l’arredamento originario del locale come ad esempio lo storico bancone in mogano lucido decorato da un ripiano in marmo italiano – Osservatorio, a Milano nuovo spazio espositivo della Fondazione Prada
  • ©LaPresse
    "I 200 anni di storia del marchio rappresentano un punto di svolta – ha commentato Paola Faccioli, ceo di Cova - La riapertura di via Montenapoleone ha un significato simbolico: mantenere i codici storici del marchio proiettandoli nel futuro e nel mercato globale. Siamo orgogliosi di poter celebrare questo anniversario con un restauro, ponte tra tradizione e innovazione" – Milano, al via il Fuorisalone 2017
  • ©LaPresse
    Cova nasce come caffè letterario nel 1817 per volontà di Antonio Cova, un soldato con la passione per la pasticceria. La sua prima sede è all'angolo tra via Verdi e piazza della Scala e in poco tempo diventa un luogo di incontro per artisti e musicisti – La storia della pasticceria Cova
  • ©LaPresse
    Arriva in via Montenapoleone solo nel 1950 a causa dei danni che il locale nei pressi della Scala subisce durante i bombardamenti nel 1943 – Tiramisù, storia di un dolce conteso
  • ©LaPresse
    Si dice che anche Giuseppe Verdi fosse un assiduo frequentatore del caffè letterario Cova, dove amava prendere il tè e assaporare il tradizionale panettone – Milano, torna l'esposizione delle "Biciclette Ritrovate"
  • ©Fotogramma
    Il “nuovo” Cova avrà a disposizione anche una parte dell'ampia corte interna disegnata alla fine del XVII secolo dal celebre architetto neoclassico Giuseppe Piermarini, lo stesso che ha progettato il Teatro alla Scala di Milano – Milano, per il Fuorisalone la Statale esplora il Brasile
  • ©Fotogramma
    Le cucine sono state completamente rinnovate in linea con gli ultimi standard tecnologici, così da creare un incontro tra tradizione e innovazione – Primavera a Milano, le strade si colorano con i tulipani
  • ©Fotogramma
    Nel 2013 la quota di maggioranza della pasticceria è stata acquistata dal gruppo francese del lusso Louis Vuitton-Moet Hennessy (Lvmh) – Cento anni di scultura in mostra a Milano
  • ©LaPresse
    La famiglia Faccioli, storica proprietaria di Cova, dopo la vendita è rimasta presente nel capitale sociale e nel management. Negli ultimi anni la pasticceria ha aperto anche in Giappone e in Cina – Dai cuochi ai camerieri: la nostra ristorazione cerca professionisti