Fosse Ardeatine, la commemorazione a Roma a 73 anni dall'eccidio. FOTO

Le più alte cariche dello Stato hanno ricordato i 335 civili italiani, di cui 75 ebrei, uccisi il 24 marzo del 1944 da un commando nazista guidato da Erich Priebke e da Karl Hass. Presenti il presidente della Repubblica Mattarella, il presidente della Regione Lazio Zingaretti e il presidente del Senato Grasso. Polemiche per l'assenza alla celebrazione del sindaco Virginia Raggi. LA FOTOGALLERY

  • ©LaPresse
    Si sono tenute al Mausoleo Ardeatino di Roma le celebrazioni per commemorare l'eccidio nazista del 24 marzo 1944, nel quale furono massacrati 335 civili italiani, di cui 75 ebrei, da un commando guidato da Erich Priebke. Alla cerimonia hanno partecipato le più alte cariche dello Stato, tra cui il presidente della Repubblica Sergio Mattarella e il Capo di Stato Maggiore della Difesa, il Generale Claudio Graziano - Il Mausoleo Ardeatino
  • ©LaPresse
    Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha deposto una corona d’alloro sulla lapide posta all’interno delle Cave Ardeatine, in ricordo della strage nazista compiuta dal commando guidato da Priebke - Erich Priebke, il boia delle Fosse Ardeatine morto all'età di 100 anni
  • ©LaPresse
    Al termine della cerimonia commemorativa del 73esimo anniversario della strage delle Fosse Ardeatine, il presidente della Repubblica ha salutato Rosina Stame, presidente dell’Associazione nazionale famiglie italiane martiri caduti per la libertà della patria (Anfim) - L'Associazione nazionale partigiani d'Italia
  • Al ricordo del massacro delle Fosse Ardeatine ha preso parte anche il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti (foto dal profilo Twitter) - Priebke, eccidio delle fosse Ardeatine: 335 italiani uccisi
  • Ha suscitato polemiche, invece, l’assenza del sindaco di Roma, Virginia Raggi che ha risposto attraverso il suo profilo Twitter: “Fosse Ardeatine primo luogo visitato con fascia tricolore. Sciacallaggio contro di me non si ferma neppure di fronte al valore della Memoria” - Il profilo Twitter di Virginia Raggi
  • ©LaPresse
    Raccoglimento e cordoglio durante la commemorazione della strage delle Fosse Ardeatine all'interno del Mausoleo capitolino. Insieme al presidente Mattarella e al presidente della regione Lazio Zingaretti, anche Pietro Grasso, presidente del Senato - Il contributo di Mirko Basaldella al Mausoleo delle Fosse Ardeatine
  • ©LaPresse
    Il presidente Mattarella ha reso omaggio alle vittime dell’eccidio nazista all’interno del Mausoleo Ardeatino. La strage consumata dal commando guidato da Priebke è stata una delle pagine più nere nella storia italiana - Addio a Giulia Spizzichino, testimone chiave contro Priebke
  • ©LaPresse
    Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella accompagnato dal Ministro della Difesa Roberta Pinotti e dal Capo di Stato Maggiore della Difesa Generale Claudio Graziano subito dopo aver deposto una corona di alloro sulla lapide posta all'ingresso delle Cave Ardeatine - Rappresaglia - Il film sulla strage delle Fosse Ardeatine
  • ©LaPresse
    L’eccidio delle Fosse Ardeatine fu un atto di rappresaglia da parte dei nazisti in risposta all’attentato partigiano compiuto il 23 marzo del ’44 in cui rimasero uccisi 33 soldati dell’esercito tedesco - Addio ad Alfredo Reichlin, partigiano e storico dirigente del Pci