4 novembre 1966: 50 anni fa l'alluvione che travolse Firenze. FOTO

È passato mezzo secolo da quando l'Arno esondò nel capoluogo toscano: per salvarlo arrivarono da tutto il mondo "gli angeli del fango". L'acqua provocò 35 morti (17 in città, 18 nella provincia) e danni inestimabili. Su Sky Arte Hd il documentario "Firenze '66 - Dopo l'alluvione"

  • 4 novembre 1966: sono passati 50 anni da quando l’alluvione colpì Firenze, cittadini e patrimonio artistico, con la sua furia di acqua e fango – Dal Polesine a Genova, oltre 60 anni di alluvioni in Italia: FOTO
  • ©Getty Images
    Era un venerdì di festa nazionale e, dopo giorni di forte maltempo, i fiorentini si svegliarono con l’Arno che aveva invaso la città trascinando tutto con sé. Una targa in via dei Neri, nel quartiere di Santa Croce, ricorda il punto più alto raggiunto dalla piena: 4 metri e 92 centimetri – In volo sulle macerie della basilica di Norcia: VIDEO
  • Morirono 35 persone: 17 a Firenze, 18 in provincia. Probabilmente, se non fosse stato un giorno festivo, le vittime sarebbero state molte di più. Musei, chiese, luoghi d’arte si allagarono: l’acqua entrò in Palazzo Vecchio, nel Duomo, nel Battistero, sventrò le botteghe degli orafi sul Ponte Vecchio, procurando gravi danni anche al soprastante Corridoio Vasariano – Il programma delle iniziative a Firenze
  • Per diverse ore si era temuto che i morti, soprattutto nel capoluogo toscano, fossero centinaia: l’acqua, infatti, aveva inondato diversi negozi trascinando via molti manichini che sembravano cadaveri – Bersani a Firenze dopo l'alluvione del 1966: foto
  • Per aiutare Firenze (la popolazione, ma anche il patrimonio artistico colpito) furono tantissime le persone che arrivarono da tutt’Italia e anche da altre parti del mondo. Soprattutto giovani, ma non solo. I cosiddetti “angeli del fango” (definizione coniata dal giornalista del Corriere della Sera Giovanni Grazzini): volontari che, dormendo dove capitava, diedero una mano a spalare la melma, distribuire viveri, recuperare libri, quadri e altre opere d’arte – Dal Polesine a Genova, oltre 60 anni di alluvioni in Italia: FOTO
  • Per ricordare il 50esimo anniversario dell’alluvione sono state organizzate diverse iniziative: mostre, proiezioni, installazioni, incontri. C’è anche un francobollo commemorativo dedicato alle migliaia di volontari che arrivarono a Firenze per salvare vite e opere d’arte – Il programma delle iniziative a Firenze
  • Alle celebrazioni per il 50esimo anniversario partecipa anche il presidente della Repubblica Sergio Mattarella. La cerimonia ufficiale è alle 17 del 4 novembre a Palazzo Vecchio. In mattinata, invece, il Salone dei Cinquecento ospita il raduno degli “angeli del fango” – Sisma Centro Italia, lo speciale
  • Su Sky Arte Hd, invece, si potrà vedere “Firenze ‘66 - Dopo l'alluvione”. Il documentario del fiorentino Enrico Pacciani, in onda il 5 novembre alle 21.15, mette insieme testimonianze dei soccorritori, commenti degli esperti, immagini d’archivio. Racconta anche come quella tragedia diede una spinta decisiva a sviluppare nuove conoscenze e nuove competenze nei campi del restauro e della tutela dei beni culturali – Sisma Centro Italia, tutte le foto
  • ©Getty Images
    Una delle immagini di quel 4 novembre 1966, quando uno dei luoghi simbolo della cultura italiana nel mondo fu sommerso dall'acqua, assieme al suo inestimabile patrimonio artistico – Sisma Centro Italia, tutti i video
  • ©Getty Images
    I danni a Ponte Vecchio – Firenze, voragine di 200 metri sul Lungarno. Il sindaco: danni ingenti
  • “Fiorentini! In questo momento mi giunge la triste notizia che l'acqua dell'Arno è arrivata in piazza del Duomo. In alcuni quartieri” è “al primo piano. È lì che deve giungere anche l'aiuto più urgente. Invito tutti alla calma e a ridurre al minimo la circolazione, mentre prego i possessori di battelli di gomma e di mezzi anfibi, anche in plastica, di farli affluire in Palazzo Vecchio, per gli immediati soccorsi sanitari, alimentari e di salvataggio”: è questo il messaggio che l’allora sindaco di Firenze, Piero Bargellini, rivolse ai suoi concittadini via radio – Bersani a Firenze dopo l'alluvione del 1966: foto
  • Firenze in quel momento era isolata: saltati telefoni e luce, interrotte anche autostrade e ferrovia. Mentre l’Arno invadeva la città, per molto tempo nessuno (neppure a Roma) si rese conto di quanto stava succedendo. Non esisteva ancora un quartier generale della protezione civile né un'altra struttura in grado di monitorare l'evolversi di una situazione di crisi. Il fiume Arno, a monte di Firenze e dentro la città, non era nemmeno classificato in una delle categorie a rischio idraulico previste dalla legge – Sisma 24 agosto, tutte le foto
  • ©Getty Images
    Solo ore dopo i telegiornali e le radio nazionali iniziarono a raccontare. E le immagini crearono una mobilitazione senza precedenti. Nelle ore e nei giorni successivi scattò una corsa contro il tempo per salvare non solo vite, ma anche il patrimonio artistico della città. Danneggiato in modo irrimediabile, tra le altre cose, il Crocifisso di Cimabue conservato nella Basilica di Santa Croce (a sinistra). Migliaia di volumi, tra cui preziosi manoscritti e rare opere a stampa, furono coperti di fango nei magazzini della Biblioteca Nazionale Centrale (a destra) – Il programma delle iniziative a Firenze
  • ©Getty Images
    Innumerevoli anche i danni ai depositi degli Uffizi, con i volontari che arrivarono in città per cercare di strappare al fango libri e opere d’arte – Sisma, crollata la Basilica di San Benedetto a Norcia
  • ©Getty Images
    “Gli angeli del fango”, che lottarono per strappare all’oblio testimonianze di secoli di arte e storia, rimangono una delle immagini più belle della tragedia del 1966 – Dal Polesine a Genova, oltre 60 anni di alluvioni in Italia: FOTO
  • Su tanti monumenti, in tante chiese, rimasero impresse le tracce del livello raggiunto dall’acqua. Anche la Porta del Paradiso del Battistero di Firenze fu spalancata dall’Arno e dalle ante sbattute violentemente si staccarono quasi tutte le formelle del Ghiberti – Bersani a Firenze dopo l'alluvione del 1966: foto
  • L’acqua invase tutta la città. Da Rovezzano a S.Salvi, Gavinana e poi nel centro storico: Oltrarno, San Frediano, Santa Croce, dove con la rottura della spalletta di piazza Cavalleggeri la furia del fiume fu ancora più devastante. Crollò il lungarno Acciaiuoli e parte di quello Corsini – Il programma delle iniziative a Firenze
  • Esondarono più di 70 milioni di metri cubi di acqua. Oltre alle 35 vittime, una moltitudine di persone perse casa, bottega, negozio – Il crollo della Basilica di Norcia fa il giro del mondo
  • Nessuno pensava che qualcosa del genere sarebbe potuto accadere, sebbene avesse piovuto tanto sul finire di ottobre e senza sosta il 3 novembre. E sebbene l'Arno, la sera prima di quel 4 novembre, fosse "gonfio" da far paura – Sisma Centro Italia, tutte le foto
  • Ai fiorentini non fu dato l'allarme: se ne accorsero dalla finestra, in strada, ricevendo una chiamata. Chi, più tragicamente, per l'acqua in casa. Molti salirono sui tetti per salvarsi. Lo fecero anche i detenuti del carcere delle Murate, alcuni dei quali evasero – Dal Polesine a Genova, oltre 60 anni di alluvioni in Italia: FOTO
  • L’alluvione cambiò il volto della città, soprattutto di alcuni quartieri. Non pochi, tra quelli che avevano perso tutto, preferirono trasferirsi e ricostruire altrove – Sisma Centro Italia, lo speciale
  • Solo verso sera l’acqua, che aveva continuato a salire per buona parte del giorno, iniziò a ritirarsi. Lasciando vittime, desolazione e un mare di fango. In una città al buio e al freddo – In volo sulle macerie della basilica di Norcia: VIDEO
  • Due giorni dopo, in Santa Croce, si impantanò anche la jeep del presidente Saragat, che non fu accolto con entusiasmo: per molte ore da Roma non si era capita la tragedia che stava avvenendo a Firenze – Bersani a Firenze dopo l'alluvione del 1966: foto
  • ©Getty Images
    Quel 4 novembre 1966 le strade della città erano diventate torrenti, neri per la nafta uscita da caldaie e serbatoi, con decine di persone, auto, bidoni, tronchi, opere d’arte, animali trascinati via – Firenze, voragine di 200 metri sul Lungarno. Il sindaco: danni ingenti
  • Il primo ad arrivare del Governo, avvisato da un assessore, fu il ministro Giovanni Pieraccini. Riuscì a raggiungere Firenze dopo 8 ore di viaggio: “Credo di essere stato il primo nella storia – ha ricordato di recente – a entrare in gommone a Palazzo Medici Riccardi” – Dal Polesine a Genova, oltre 60 anni di alluvioni in Italia: FOTO
  • ©Getty Images
    Tra “gli angeli del fango” che accorsero a Firenze, per dare una mano ad esercito e forze dell’ordine, anche persone poi diventate famose. Come Pier Luigi Bersani, Antonello Venditti, Francesco De Gregori, il cardinale Betori e altri vescovi – Bersani a Firenze dopo l'alluvione del 1966: foto
  • L’Arno ruppe gli argini, dopo giorni di pioggia, poco dopo le cinque di mattina di 50 anni fa all’altezza del lungarno Acciaioli e del lungarno delle Grazie, mentre il torrente Mugnone inondava la zona intorno al Parco delle Cascine – Firenze, voragine di 200 metri sul Lungarno. Il sindaco: danni ingenti
  • L’acqua entrò in città e travolse tutto: case, negozi, monumenti. Furono migliaia le opere d’arte danneggiate, milioni i volumi sommersi, oltre 20mila le macchine trascinate via. Oltre alle 35 vittime, quasi 20mila le famiglie alluvionate e 4mila quelle rimaste senza casa – Il programma delle iniziative a Firenze
  • Quello del 4 novembre 1966 fu uno dei più gravi eventi alluvionali accaduti in Italia, causò danni ingenti non solo a Firenze ma in gran parte della Toscana e più in generale in tutto il Paese – Bersani a Firenze dopo l'alluvione del 1966: foto
  • Diversamente dall'immagine che in generale si ha dell'evento, l'alluvione non colpì solo il centro storico di Firenze ma l'intero bacino dell'Arno, sia a monte sia a valle della città – Dal Polesine a Genova, oltre 60 anni di alluvioni in Italia: FOTO
  • Una delle targhe che ancora oggi ricordano l’altezza che raggiunse l’Arno a Firenze nel 1966 – Foto da Wikipedia