Renzi a Preci tra gli sfollati: ricostruiremo tutto, siamo l’Italia

"La prima emergenza è quella psicologica, c’è una vera emergenza ma ce la faremo. Ci sono tante preoccupazioni: la prima è quella della casa, della lontananza” dice il presidente del Consiglio in visita, in forma privata, in uno dei Comuni colpiti dal sisma FOTO - VIDEO -  SPECIALE

  • ©LaPresse
    1 novembre 2016 - Renzi è andato a Preci per una visita privata, con la moglie Agnese, dopo la nuova scossa di terremoto 4.8 di questa mattina - Speciale sisma
  • "A Preci in questa terra colpita ma non piegata con gli abitanti, molti sfollati, da Viola che ha 2 mesi fino a Emilia che ha 103 anni. Ricostruiremo tutto, tutti insieme. Ci vorrà tempo e tenacia, ma lo faremo. Noi siamo l'Italia". Così il premier Matteo Renzi in un post su Facebook corredato da tante foto racconta la visita privata in uno dei Comuni più colpiti dal terremoto – Speciale sisma
  • ©LaPresse
    “C’è un'emergenza della ricostruzione. Ci vorrà tempo, non c'è la bacchetta magica, ma ce la faremo”. Prima di Natale arriveranno i container per gli sfollati – Speciale sisma
  • ©LaPresse
    “Non ci sarà nessuna deportazione, abbiamo messo a disposizione gli alberghi. L'obiettivo è studiare dei moduli” per permettere alle persone di restare vicino alle loro case - Speciale sisma
  • ©LaPresse
    Renzi ammette che c’è “un'emergenza della ricostruzione. Ci vorrà tempo e ce la faremo, non c'è la bacchetta magica. Ma lo faremo, anche se ci vorrà tanto tempo" – Speciale sisma
  • ©LaPresse
    "Cercheremo di trovare soluzioni coinvolgendo anche i sindaci, ci vuole tanta energia, decisione", ha detto il premier facendo riferimento anche alle richieste di chi non vuole abbandonare il proprio paese d'origine, in attesa dell'arrivo delle casette di legno, per le quali, ha ricordato il presidente del Consiglio, ci vogliono sei-sette mesi Speciale sisma
  • ©LaPresse
    "Loro - ha aggiunto Renzi riferendosi agli allevatori, che non intendono abbandonare gli animali per trasferirsi negli alberghi sulla costa destinati ad ospitare gli sfollati - comprensibilmente vogliono delle soluzioni ponte prima dell'arrivo delle casette di legno. L'obiettivo è studiare moduli che possano essere messi subito". Insomma, ha assicurato, per gli allevatori cercheremo di studiare "soluzioni ad hoc perché possano non allontanarsi" - Speciale sisma
  • Uno studio Cnr-Irea indica una deformazione che si estende per un'area di 130 chilometri quadrati, il cui massimo spostamento è di almeno 70 centimetri, nei pressi di Castelluccio. E sono oltre 1100 gli eventi sismici dalla scossa del 30 ottobre – Speciale sisma