Terremoto, Castelluccio di Norcia rasa al suolo. FOTO

La frazione, distante 28 km dal centro, è rimasta completamente isolata e oltre il 60% degli edifici è crollato. I residenti sono stati evacuati in elicottero: ancora venti persone non vogliono allontanarsi. LIVEBLOGFOTOVIDEO 

  • Norcia, il borgo più alto dell'Appennino non c'è più, distrutto dal terremoto del 30 ottobre, isolato dal resto del mondo, spaccato fin nell'anima: visto dall'alto sembra essersi ripiegato su se stesso, imploso verso l'interno - La nuova scossa
  • ©ANSA
    Castelluccio, frazione del comune di Norcia di 120 abitanti, è stata quasi completamente rasa al suolo dal terremoto del 30 ottobre: più del 60% degli edifici sono crollati. Le strade hanno ceduto e i pochi residenti rimasti dopo le scosse del 26 ottobre sono stati evacuati in elicottero - La nuova scossa
  • ©ANSA
    “E’ cambiato per sempre il panorama di quella zona” ha detto una persona che ha potuto verificare la situazione sul posto - La nuova scossa
  • ©ANSA
    Un residente, nel tentativo di verificare le condizioni della propria abitazione, si è ferita senza gravi conseguenze – La nuova scossa
  • ©ANSA
    La chiesa di Santa Maria dell’Assunta e il suo campanile, risalenti alla prima metà del XVI secolo, sono crollati – Renzi: "Ricostruiremo tutto"
  • ©ANSA
    La strada che portava a Castelluccio, resa inagibile dal sisma: è franata in basso di oltre un metro - Renzi: "Ricostruiremo tutto"
  • ©ANSA
    "Questo paese è morto e sepolto - ha detto un allevatore di Castelluccio - ma noi continueremo a coltivare" - Amatrice distrutta dal sisma
  • ©ANSA
    La frazione è famosa in tutta il mondo per le lenticchie – Renzi: "Ricostruiremo tutto"
  • ©ANSA
    Ci sono ancora venti persone che non vogliono lasciare la frazione: sono alloggiate in due container e un camper - Amatrice distrutta dal sisma
  • ©ANSA
    Saranno probabilmente costrette ad abbandonare la zona - Gli sfollati: "Dateci le tende"
  • ©ANSA
    Una casa semi distrutta a causa del terremoto - Gli sfollati: "Dateci le tende"