Studenti in sciopero, cortei in tutta Italia. FOTO

Manifestazioni e assemblee a Roma, Milano, Napoli, Palermo, Bologna e Cagliari contro la riforma scolastica del Governo Renzi. VIDEO

  • ©Fotogramma
    “Ora basta, decidiamo noi”: è stato uno degli striscioni del corteo partito questa mattina a Milano, alle 10, in largo Cairoli. Gli studenti si scagliano, in particolare, “contro l'abbandono scolastico e l'incertezza per il proprio futuro”.
  • Sono tanti e molto partecipati i cortei organizzati in diverse città d’Italia per protestare contro la riforme della “Buona Scuola”. E non è mancato qualche momento di tensione tra i ragazzi e le forze dell’ordine -
  • ©Fotogramma
    La protesta è organizzata da Rete degli studenti medi, Unione degli studenti e Unione degli universitari.
  • ©Fotogramma
    I manifestanti hanno lanciato alcuni fumogeni e petardi contro la sede di Assolombarda, ritenuta “responsabile dello sfruttamento dei lavoratori”, secondo quanto affermato con un megafono da un ragazzo del Cas (Collettivo autonomo studentesco)
  • ©Fotogramma
    Sono stati in più di mille, tra studenti e militanti dei centri sociali, ad aver partecipato alla manifestazione di Milano contro la “Buona scuola” del Governo Renzi.
  • ©Fotogramma
    Gli studenti chiedono anche maggiore attenzione per gli interventi in materia di edilizia scolastica. Durante il corteo sono stati urlati inoltre slogan contro il presidente turco Erdogan. Della vernice rossa è stata anche lanciata sul consolato turco in via Larga.
  • ©Fotogramma
    Anche l'alternanza scuola-lavoro è nel mirino dei manifestanti: viene infatti vista come “una soluzione per sfruttarci fin da studenti”.
  • ©Fotogramma
    Fumogeni e qualche tensione al corteo di Milano. Un gruppetto di anarchici e alcuni militanti dei centri sociali, in particolare, sarebbero venuti alle mani.
  • ©Fotogramma
    Banche nel mirino nella manifestazione milanese: alcuni manifestanti hanno attaccato dei volantini con scritte come “le banche italiane finanziano l'industria militare e investono in armi atomiche, ribellati ora!”