Garlasco, mamma di Chiara: "Giustizia è stata fatta". Stasi in carcere

Dopo la sentenza della Cassazione, che ha confermato la condanna a 16 anni per l'ex fidanzato di Chiara Poggi, parlano i genitori della vittima: "Proviamo sollievo, ma non si può gioire per una condanna. Questa tragedia ha sconvolto due famiglie". Alberto si è costituito. Il suo avvocato: "Pena che non sta né in cielo né in terra, hanno pesato le telecamere". FOTO

  • ©ANSA
    Giuseppe e Rita Poggi, i genitori di Chiara, hanno commentato davanti alla villetta di Garlasco la sentenza della Cassazione che ha condannato in via definitiva Alberto Stasi a 16 anni di carcere per la morte della loro figlia. “Sono emozionata. Dopo le parole del procuratore eravamo un po' pessimisti, ma giustizia è stata fatta”, ha detto la mamma della vittima – Garlasco, Cassazione conferma: "16 anni a Stasi". Condanna definitiva
  • ©ANSA
    Il padre di Chiara Poggi, Giuseppe, ha spiegato di “non essere in grado di dire” se la pena inflitta ad Alberto Stasi sia giusta, ma "ci atteniamo alle regole". "Otto anni per avere una sentenza definitiva sono tanti – ha sottolineato la moglie Rita – ma in tutto questo tempo non abbiamo mai pensato di mollare e di rinunciare a chiedere la verità". "Nel corso dei processi – ha aggiunto la donna – sono emersi elementi che ci hanno reso sempre più convinti della colpevolezza di Alberto Stasi. Per noi era un figlio” – Il video
  • ©ANSA
    Chiara Poggi, 26 anni, è stata uccisa nella villetta di Garlasco nell’agosto del 2007, mentre i genitori e il fratello erano in vacanza. Per quell’omicidio l’unico sospettato è sempre stato Alberto Stasi, anche se non è mai stata trovata l’arma del delitto – Garlasco, Stasi condannato. Dal delitto alla Cassazione: LE TAPPE
  • ©ANSA
    Alberto Stasi, oggi 32enne, si è sempre detto innocente (nella foto, durante i funerali di Chiara Poggi). Dopo la sentenza della Cassazione, che non ha ascoltato in Aula, il giovane si è costituito e si trova nel carcere di Bollate (Milano) – Il pg della Cassazione aveva chiesto di annullare la condanna
  • ©ANSA
    “Forse questo sarà un Natale diverso, dopo questa sentenza proviamo sollievo”, ha detto Rita Poggi, la mamma di Chiara. E ancora: “Non si può gioire per una condanna. Si è trattato di una tragedia che ha sconvolto due famiglie”. Ma, ha aggiunto la donna: “In questo momento mi sembra prematuro andare a parlare con la madre” di Alberto – Garlasco, Stasi condannato. Dal delitto alla Cassazione: LE TAPPE
  • ©ANSA
    “È allucinante. Come si fa a mettere una persona in carcere quando c'è una sentenza completamente illogica? È una pena che non sta né cielo né in terra, se una persona ha commesso un fatto del genere deve avere l'ergastolo”: è questa la reazione dell’avvocato Fabio Giarda, del collegio difensivo di Alberto Stasi. E a chi gli chiedeva cosa avesse pesato sul processo, ha risposto: “Queste telecamere” – Il video
  • ©ANSA
    “Non c’è nulla di cui rallegrarsi, la giustizia ha fatto il suo corso”, ha detto Francesco Compagna, uno dei legali della famiglia Poggi, all'esterno della Corte di Cassazione. “Non è una sentenza a metà: Non volevamo che fossero inflitti anni di carcere ma che fosse accertata la verità”, ha aggiunto il collega Gian Luigi Tizzoni – Il video