Sei anni fa moriva Cucchi. La sorella depone fiori al Pertini

Ilaria ha ricordato il fratello Stefano davanti all'ospedale di Roma dove il 22 ottobre 2009 il ragazzo morì a una settimana dal suo arresto per droga. "I presupposti di questa nuova inchiesta – ha detto – sembrano positivi. Speriamo sia così". E poi, con le lacrime agli occhi: "Nel male, comunque, quest'anno guardiamo positivo". FOTO

  • ©ANSA
    22 ottobre 2015: Ilaria Cucchi depone un mazzo di fiori davanti al reparto detenuti dell'ospedale Pertini di Roma, dove lo stesso giorno di sei anni fa, a una settimana dall’arresto per droga, moriva il fratello Stefano – Tutti gli aggiornamenti sul caso Cucchi
  • ©ANSA
    “Nel male, comunque quest'anno guardiamo positivo”, ha detto Ilaria Cucchi con le lacrime agli occhi. “Questa – ha spiegato – per noi è la giornata dell'anno in cui non si riesce neanche a parlare. Ognuno vive il suo dolore nel suo cuore. Mia madre è andata al cimitero, io sono venuta qui perché sei anni fa non l'ho saputo proteggere. Sono qui perché in questi sei anni mi sono sentita in colpa con lui” – Caso Cucchi, altri 4 i carabinieri indagati
  • ©ANSA
    Stefano Cucchi è morto il 22 ottobre 2009. Ilaria ha detto di avere un solo pensiero, definendolo un dramma: “È il fatto che Stefano se ne è andato da solo come un cane, forse credendo che l'avevamo lasciato solo. Non era così” – Cucchi, nuova consulenza: sul corpo di Stefano “frattura lombare recente”
  • ©ANSA
    Poi un passaggio sulla nuova inchiesta giudiziaria, dopo l'iscrizione nel registro degli indagati di alcuni carabinieri per lesioni aggravate, e l’attesa del processo in Cassazione dove la famiglia chiederà l'annullamento della sentenza d'appello (6 medici, 3 infermieri e 3 agenti penitenziari assolti). “I presupposti – ha detto – sembrano positivi. Speriamo sarà così. Finalmente c'è qualcuno che sta dimostrando di voler sapere cos'è accaduto. Oggi quindi lo spirito è diverso. Forse dopo sei anni riusciremo a dimostrare che anche per Stefano c'è giustizia” – Cucchi, motivazioni sentenza: fu picchiato, nuove indagini