Monza, nullatenente ma con un milione e mezzo di euro in un caveau. FOTO

Un imprenditore 45enne di origini calabresi operava da anni con società intestate alla madre e immobili alla moglie. Durante una perquisizione, i militari della Guardia di Finanza hanno scoperto un nascondiglio blindato con 53 mila banconote 

  • ©Fotogramma
    Nullatenente per il fisco ma non per la Guardia di finanzia che, al termine di una lunga indagine coordinata dalla procura di Monza, è riuscita a sequestrare a un imprenditore brianzolo un milione e mezzo di euro nascosti in un caveau.
  • ©Fotogramma
    Sigilli anche per sei immobili intestati alla moglie del finto povero.
  • ©Fotogramma
    Il caveau era stato occultato dietro l'ascensore di un ristorante. L'uomo è stato denunciato (ha evaso le tasse per oltre un milione) e i suoi beni sottoposti a sequestro preventivo chiesto dalla Procura di Monza.
  • ©Fotogramma
    L'uomo, ora indagato, è un imprenditore brianzolo di Mezzago (Monza), già condannato in passato per bancarotta fraudolenta e reati fiscali che, grazie ad una serie di escamotage, era riuscito a rimanere "sconosciuto al fisco".
  • ©Fotogramma
    L'indagine è partita da una segnalazione di un istituto di credito su movimenti sospetti di denaro contante: i finanzieri di Monza hanno avviato una verifica fiscale nei confronti di una ditta di Mezzago.
  • ©Fotogramma
    Il conto finale è risultato salato: omessa presentazione delle dichiarazioni fiscali ed un milione di euro di imposte mai pagate. Ufficialmente la ditta era intestata alla madre, sessantottenne.
  • ©Fotogramma
    Le successive verifiche hanno poi permesso di scoprire, nel corso di una perquisizione in un ristorante di Vaprio d'Adda, un caveau ricavato al piano interrato. Un vero e proprio bunker celato dietro un ascensore, al quale si accedeva tramite un pulsante nascosto.