Strage Napoli, i funerali del vigile "eroe" Francesco Bruner

A Secondigliano centinaia di persone, tra cui tanti colleghi e autorità, hanno dato l’ultimo saluto al capitano della polizia municipale morto nel tentativo di fermare Giulio Murolo, l’autore della sparatoria nella quale sono morte altre 3 persone. FOTO
  • 19 maggio 2015. Nella chiesa di Sant'Antonio a Secondigliano, Napoli, si sono svolti i funerali del capitano della polizia municipale Francesco Bruner, morto nella sparatoria del 15 maggio, nel quartiere Miano, provocata da Giulio Murolo - La sparatoria nel quartiere Miano: FOTO
  • Francesco Bruner è stato soprannominato il vigile “eroe” perché durante la sparatoria ha cercato di soccorrere un collega ferito e di mettere in salvo le altre persone. Nella sparatoria sono morte 4 persone - Il gip: "Murolo resti in carcere"
  • Nella sua omelia il cappellano della polizia municipale, padre Mario Pellicose , ha ricordato che Bruner "ha dato la sua vita per salvare gli altri, un'immagine bellissima per tutto il corpo della Polizia municipale - A casa del killer anche un kalashnikov
  • Il sindaco di Napoli Luigi de Magistris, presente ai funerali, attiverà le procedure per la Medaglia d'oro al valore civile alla memoria - La sparatoria nel quartiere Miano: FOTO
  • Padre Mario Pellicose ha riservato un pensiero a Vincenzo Cinque, l'altro appartenente alla Polizia municipale colpito da Murolo, ricoverato in rianimazione all'ospedale San Giovanni Bosco - Il gip: "Murolo resti in carcere"
  • Ai cancelli della chiesa sono state sistemate diverse corone di fiori di diversi nuclei e reparti della polizia municipale, mentre poggiate sul portone della chiesa sono state sistemate le corone inviate dal Comune di Napoli e dal sindaco della città - La sparatoria nel quartiere Miano: FOTO