Strage Canale di Sicilia, le prime immagini dei soccorsi

La nave Gregoretti della Guardia Costiera ha assunto il comando delle operazioni in mare e coordina 17 unità navali. Si cercano superstiti del naufragio avvenuto a circa 60 miglia a nord delle coste libiche. Sul barcone c'erano centinaia di migranti. FOTO
  • La nave, con identificativo CP 920, sta coordinando i soccorsi in mare di tutte le unità navali impegnate nella ricerca di eventuali superstiti del naufragio avvenuto la scorsa notte nel Canale di Sicilia - Affonda barcone con 700 migranti, si teme una strage
  • Un frame di un video diffuso dalla Guardia Costiera mostra le operazioni di ricerca e di soccorso - Dentro la sala operativa della Guardia Costiera
  • I 24 corpi recuperati nell'area dove la scorsa notte è naufragato un barcone di 20 metri, carico di migranti, sono stati allineati su uno dei ponti della nave Gregoretti della Guardia Costiera - Il naufragio dei migranti sui siti stranieri
  • Sono 17 le unità navali impegnate, coordinate dalla Gregoretti. Nella zona continua il sorvolo di mezzi aerei della Guardia Costiera, della Marina Militare e della Guardia di Finanza - Strage nel Canale di Sicilia, i precedenti. LA SCHEDA
  • Le operazioni di ricerca della Guardia Costiera
  • Le operazioni di ricerca della Guardia Costiera
  • Le operazioni di ricerca della Guardia Costiera
  • Le operazioni di ricerca della Guardia Costiera