Muos, pm di Caltagirone sequestra l'impianto satellitare Usa

Il provvedimento, per violazione del vincolo paesaggistico, arriva dopo la decisione del Tar di Palermo che aveva accolto i ricorsi dei No-Muos contro i lavori per l'impianto di Tlc nella base americana nella riserva di Niscemi, a Catania. FOTO
  • La procura di Caltagirone ha ordinato il sequestro dell'impianto satellitare Usa Muos nella riserva di Niscemi (Catania) - Niscemi, tensione tra attivisti No Muos e forze dell'ordine
  • Il provvedimento fa seguito alla decisione del Tar di Palermo che aveva accolto i ricorsi dei No-Muos contro la prosecuzione dei lavori di realizzazione dell'impianto di Tlc nella base americana - Niscemi, gli attivisti No Muos salgono sulle antenne
  • Il sequestro è stato disposto dal procuratore di Caltagirone, Giuseppe Verzera, per violazione del vincolo paesaggistico di inedificabilità assoluta presente in una riserva naturale, al quale sono sottoposte anche le costruzioni di carattere militare
  • "Anche la procura ci difende. E' la notizia che aspettavamo, rende giustizia a chi ha lottato in questi anni per fermare il Muos, sono contento e anche i cittadini di Niscemi lo sono" dice il sindaco di Niscemi Franco La Rosa - Niscemi, gli attivisti No Muos salgono sulle antenne
  • "Plauso all'azione della magistratura che per far rispettare la legge non ha esitato a scendere coraggiosamente in campo contro i poteri forti" dice il sindaco di Caltagirone Nicola Bonanno. (Nella foto una recente manifestazione No Muos) - Niscemi, gli attivisti No Muos salgono sulle antenne