Eternit, sentenza annullata. I familiari: "Vergogna"

La suprema corte cancella i 18 anni inflitti al magnate svizzero Schmidheiny: reato prescritto. Nulli anche i risarcimenti per le vittime dell'amianto. Inail e Inps condannate a pagare le spese. Protesta dei parenti. Guariniello: "Non demordiamo". VIDEO
  • La Cassazione ha annullato senza rinvio, dichiarando prescritto il reato, la sentenza di condanna per il magnate svizzero Stephan Schmidheiny nel maxiprocesso Eternit. "Basta processi ingiustificati", è il suo commento -
  • "Non bisogna demordere. Non è una assoluzione. Il reato c'è. E adesso possiamo aprire il capitolo degli omicidi". Questo il commento del pm Raffaele Guariniello alla sentenza Eternit - Tutti i video sul processo
  • La decisione ha suscitato le proteste dei numerosi familiari delle vittime dell'amianto presenti nell'Aula magna. "Vergogna, vergogna" hanno detto in tanti, urlando subito dopo la lettura del verdetto Tutti i video sul processo
  • Sfuma anche la possibilità per i familiari delle vittime e per le comunità locali di ottenere i risarcimenti. Inail e Inps che avevano fatto ricorso per non essere state ammesse come parte civile dovranno pagare le spese legali - La condanna a 18 anni -
  • Alcuni minatori francesi in maschera solidarizzano con i manifestanti e familiari delle vittime dell'amianto dei quattro stabilimenti italiani della multinazionale Eternit, prima dell'ingresso in Corte di Cassazione - I famigliari delle vittime: è come se quei morti non ci fossero stati
  • E' stata così accolta la richiesta del sostituto pg di Cassazione, Francesco Mauro Iacoviello - La condanna in primo grado
  • Il 3 giugno 2013 la Corte d'appello di Torino aveva condannato l'imputato a 18 anni di reclusione - I giudici: "Dolo di elevatissima intensità"
  • I fatti al centro del processo risalgono al 1966 - L'inizio del processo
  • “Il processo arriva a notevole distanza di anni - ha osservato il pg - è vero che la prescrizione non risponde alle esigenze di giustizia, ma stiamo attenti a non piegare il diritto alla giustizia" - Le immagini del processo
  • Nella sua requisitoria, Iacoviello ha ricordato che questo è il "primo processo sull'Eternit in Italia, ci sono attese notevoli da parte di tutta la comunità scientifica: voi - ha detto - sancirete un precedente che varrà per il futuro" - Il processo a Torino