Saviano in aula contro i boss: "Io libero solo all’estero"

Lo scrittore ha deposto in tribunale a Napoli dopo le minacce ricevute da due esponenti dei Casalesi. “Mi sento come un reduce dopo una battaglia, la scorta rende difficile la mia vita”. Il ministro Cancellieri: "Tutto il paese è con lui". VIDEO - FOTO
  • Il giornalista e scrittore Roberto Saviano ha testimoniato lunedì 7 ottobre davanti alla terza sezione del Tribunale di Napoli, durante l'appello del processo contro Antonio Iovine e Francesco Bidognetti, esponenti dei Casalesi, e dei loro ex legali - Saviano in tribunale: il servizio di Sky TG24
  • Saviano ha parlato delle minacce ricevute durante l'appello del processo “Spartacus”. La sua testimonianza segue di quattro mesi quella della giornalista e senatrice del Pd, Rosaria Capacchione - Tutte le notizie su Roberto Saviano
  • Saviano ha parlato della sua vita sotto scorta, che "rende difficilissima la vita quotidiana" - Saviano in tribunale: il servizio di Sky TG24
  • "Mi sento come un reduce dopo una battaglia - ha aggiunto - solo all'estero la mia vita può essere libera con un'altra identità che possa permettermi di ripartire da zero" - Tutte le notizie su Roberto Saviano
  • Saviano vive sotto scorta dal 13 ottobre 2006, dopo il successo del libro Gomorra e le minacce di morte ricevute dalla camorra e in particolare dal clan dei casalesi - Saviano in tribunale: il servizio di Sky TG24