Vajont, 50 anni dopo. Gabrielli: "Ferita ancora aperta"

Il capo della Protezione Civile alla cerimonia in ricordo dei soccorritori: "Come rappresentante dello Stato vi chiedo scusa". Nel 1963 una valanga di acqua e fango staccatasi dal monte Toc uccise quasi 2mila persone e cancellò alcuni paesi. FOTO - VIDEO
  • La foto, datata 24 ottobre 1963, è stata scattata qualche giorno dopo il disastro a Longarone (Belluno) - Vajont, una catastrofe non naturale
  • Dal 13 al 15 settembre a Longarone una tre giorni per commemorare il 50esimo anniversario del disastro che causò la morte di 1910 persone - Il percorso della memoria
  • Alla cerimonia di commemorazione Gabrielli ha detto: "Ho percepito come quella tragedia sia ancora una ferita molto aperta, come ci fosse ancora una rabbia sorda, un lutto non ancora elaborato anche perché nessuno ha aiutato queste persone ad elaborarlo" - Le immagini della tragedia
  • Gabrielli ha detto di essere certo "che sia arrivato il momento di chiedere scusa per silenzi colpevoli prima, per mancanze e ritardi dopo, che non sono ovviamente di chi oggi viene plaudito" - Vajont, una catastrofe non naturale
  • Il capo della Protezione Civile ha poi aggiunto: "Allora, oggi, come rappresentante di un pezzo di Stato, la cui mission è la salvaguardia e la cura delle persone, vi chiedo scusa" - Il percorso della memoria
  • Anche il ministro per l'Ambiente Andrea Orlando, intervenendo alla cerimonia di commemorazione delle vittime del Vajont, ha detto che "bisogna chiedere scusa ai cittadini" - Le immagini della tragedia
  • Alla cerimonia per i 50 anni dal disastro è intervenuto anche il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia: "In questo paese forse abbiamo bisogno di costruire meno strade e di realizzare più opere di prevenzione idrogeologica" - Vajont, una catastrofe non naturale
  • Il 9 ottobre del 1963, alle 22.39, una frana finì nel bacino artificiale del Vajont causando l'onda che spazzò via Longarone ed altri paesi della cintura bellunese - Il percorso della memoria
  • Le vittime della tragedia del Vajont furono 1910. Interi paesi furono cancellati dall'ondata di acqua e fango - Le immagini della tragedia
  • Una foto storica del disastro del Vajont - Vajont, una catastrofe non naturale
  • Il Sottosegretario e Commissario Governativo per il Vajont, Giacomo Sedati durante la sua visita a Longarone il 24 ottobre 1963, poche settimane dopo il disastro - Il percorso della memoria