Poste italiane, una mostra per i 150 anni di storia

E' in corso a Torino fino al 28 novembre l'esposizione che poi girerà l'Italia per raccontare come è cambiata l'azienda dalla sua nascita, nel 1862, a oggi. Con i suoi portalettere, i suoi uffici e i suoi telegrafi. LA FOTOGALLERY
  • Le Poste furono istituite nel 1862, un anno dopo la costituzione del Regno d'Italia, con una legge che introduceva tre principi basilari: il concetto di servizio pubblico, l'inviolabilità delle lettere e la tariffa unica realizzata grazie ai francobolli - Guarda il sito della mostra
  • All'epoca il servizio postale nazionale ha contribuito ad avvicinare zone lontane, culture e procedure amministrative ancora molto diverse della neonata Italia (foto Poste Italiane) - Le Poste nel mirino dell'Antitrust: aperta un'istruttoria
  • Nel 1874 nascono le cartoline postali che avranno un successo enorme: nel primo anno ne furono inviate quasi 9 milioni (foto Poste Italiane) - Guarda il sito della mostra
  • Con l'invenzione del telegrafo senza fili di Guglielmo Marconi, la prima, grande rivoluzione tecnologica nel mondo delle comunicazioni, tutti sono in grado di comunicare da un capo all’altro del Paese nel giro di pochi minuti (foto Poste Italiane) - Dalle poste all'energia, l'Antitrust: è ora di liberalizzare
  • Dal 1913 a Milano, e poi in altre città, si sviluppa la posta pneumatica: telegrammi e lettere sono inseriti in un bussolotto che spinto dall’aria compressa viaggia attraverso tubi sotterranei che collegano uffici della città (foto Poste italiane) - Guarda il sito della mostra
  • Durante la prima guerra mondiale, la posta militare supera per volumi ed efficienza i servizi civili: a luglio del 1917 le spedizioni raggiungono il picco di 4.680.000 in un giorno - Le Poste nel mirino dell'Antitrust: aperta un'istruttoria
  • Durante il Fascismo, nel 1924, viene istituito il Ministero delle Comunicazioni che riunisce in un unico dicastero Poste, Telegrafi, Telefoni, Ferrovie e Marina (foto Poste Italiane) - Guarda il sito della mostra
  • Nel 1954 nasce la Rai che, per trasmettere, si avvale dei ponti radio della rete postale - Dalle poste all'energia, l'Antitrust: è ora di liberalizzare
  • Per permettere a automobilisti e motociclisti di imbucare la posta senza scendere dal veicolo, si sperimentano cassette di impostazione “al volo” nelle strade più trafficate di Roma (foto Poste Italiane) - Guarda il sito della mostra
  • Tra anni '60 e '70 le novità sono tantissime: viene introdotto il codice di avviamento postale, le vecchie cassette postali sono sostituite e con i nastri trasportatori e i casellare meccanizzati comincia l’automazione del lavoro (foto Poste Italiane) - Le Poste nel mirino dell'Antitrust: aperta un'istruttoria
  • Grazie all'applicazione dei primi elaboratori elettronici alla rete telegrafica, le Poste sviluppano una capillare rete di telescriventi, il Teletex, che rende istantanea la comunicazione dei messaggi (foto Poste Italiane) - Guarda il sito della mostra
  • Nel 1998 le Poste si trasformano: da ente di diritto pubblico, dipendente dal Ministero, diventano società per Azioni - Dalle poste all'energia, l'Antitrust: è ora di liberalizzare
  • Negli ultimi anni nascono servizi aggiuntivi come Postepay o Banco Posta. Oggi l'azienda conta 14 mila uffici postali in tutta Italia e più di 150 mila dipendenti - Guarda il sito della mostra