L'ex coinquilina di Ruby: "La vidi ad Arcore, anzi no"

Michelle Conceicao ha testimoniato venerdì 29 giugno nel processo a carico di Silvio Berlusconi ma, rispondendo alle contestazioni del procuratore aggiunto Ilda Boccassini, è caduta in numerose contraddizioni. GAURDA LA FOTOGALLERY
  • E' una testimonianza molto 'sofferta' quella della brasiliana Michelle Conceicao, nel processo sul caso Ruby a carico di Silvio Berlusconi - Tutte le foto sul caso Ruby: l'album
  • La giovane, infatti, è caduta in numerose contraddizioni, rispondendo alle contestazioni del procuratore aggiunto Ilda Boccassini, che a un certo punto le ha detto proprio chiaramente che quello che lei stava sostenendo in aula poteva risultare falso - Lo speciale di Sky.it sul Rubygate
  • Conceicao, nel corso della sua testimonianza, ha in un primo momento sostenuto di aver conosciuto Ruby ad Arcore, "nell'aprile 2010 ad una cena normale, elegante". E poi, di fronte alle contestazioni del pm, ha "ritrattato" - Tutte le foto sul caso Ruby: l'album
  • In altri passaggi della sua deposizione, la brasiliana, che si presentò fuori dalla questura l'oramai famosa notte in cui Ruby venne rilasciata, ha raccontato di essere stata per la prima volta ad Arcore nel 2008 - Lo speciale di Sky.it sul Rubygate
  • La brasiliana ha anche ricordato di essere stata nella residenza dell'ex presidente del consiglio "nel 2009" - Tutte le foto sul caso Ruby: l'album
  • La testimone ha poi affermato di non essere "mai piu' andata ad Arcore". Ma anche in questo caso l'aggiunta Boccassini le ha contestato che la cella del suo telefono era agganciata a quella di Arcore nel luglio 2010 - Lo speciale di Sky.it sul Rubygate
  • Chiudendo la prima parte dell'esame testimoniale, Bocassini ha spiegato ai giudici "allo stato ritengo superflue altre domande" - Tutte le foto sul caso Ruby: l'album