No Tav, guerriglia attorno al cantiere

Scontri, nella serata di mercoledì 27, tra manifestanti e polizia nell'anniversario dello sgombero del presidio che si oppone alla Torino-Lione. Il lancio di sassi, petardi e bombe carta viene respinto dalle forze dell'ordine con idranti e lacrimogeni
  • Sassi, petardi, fuochi d'artificio e anche un paio di bombe carta: così il 27 giugno i No Tav hanno ripreso in Valle di Susa l'offensiva contro il cantiere della ferrovia ad alta velocità Torino-Lione. Tutto sulla Tav
  • Alcune centinaia di manifestanti si sono raccolti attorno alle recinzioni e, dai boschi, hanno scatenato la loro azione di disturbo. Torino-Lione, foto e news
  • Le forze dell'ordine hanno reagito utilizzando idranti e lacrimogeni. Un dirigente di polizia è stato colpito ad una spalla da una grossa pietra ed è rimasto contuso. No Tav, l'album fotografico
  • No Tav si erano chiamati a raccolta per celebrare un anniversario, quello del 27 giugno 2011, una delle date simbolo del movimento. No Tav, l'album fotografico
  • Il 27 giugno 2011 le forze dell'ordine sgomberarono il vasto presidio che da pù di un mese i manifestanti avevano allestito in località Maddalena di Chiomonte (oggi sede del cantiere) - No Tav, l'album fotografico
  • I manifestanti avevano organizzato il presidio per impedire l'inizio degli scavi del tunnel geognostico, un'operazione preliminare alla costruzione della nuova linea ferroviaria su cui dovrà passare il supertreno Torino-Lione. - No Tav, l'album fotografico
  • Un fitto lancio di pietre e petardi è stato indirizzato dai manifestanti No Tav verso il cantiere della Maddalena di Chiomonte. - No Tav, l'album fotografico
  • La polizia ha usato un idrante per allontanare i manifestanti assiepati dietro le recinzioni - No Tav, l'album fotografico
  • Un dirigente della Polizia e' rimasto contuso a una spalla durante la fitta sassaiola scatenata questa sera dai No Tav verso il cantiere della Maddalena di Chiomonte (Torino). - No Tav, l'album fotografico
  • Per disperdere i manifestanti, che hanno attaccato le recinzioni in almeno tre punti, le forze dell'ordine hanno usato idranti e lacrimogeni - No Tav, l'album fotografico