Sant’Apollinare, portato via il corpo di Enrico De Pedis

La salma di Renatino, capo della banda della Magliana il cui nome è entrato nel caso della scomparsa di Emanuela Orlandi, non si trova più nella basilica romana. È stata caricata su un furgoncino delle pompe funebri e cremata nel cimitero di Prima Porta
  • Il corpo di Enrico De Pedis, il boss della banda della Magliana il cui nome è entrato anche nella vicenda della scomparsa di Emanuela Orlandi, è stato spostato dalla basilica di Sant'Apollinare a Roma – Guarda la video-notizia
  • La salma di De Pedis era stata tumulata nella cripta della basilica per volere della famiglia e dopo aver ricevuto il nulla osta dell'allora vicario di Roma, cardinale Poletti – Tutte le notizie su Enrico De Pedis
  • “Il corpo di De Pedis, per autonoma ed esclusiva volontà dei suoi familiari, è stato traslato dal luogo ove era stato legittimamente collocato più di 22 anni fa, ed è stato cremato presso il cimitero di Prima Porta”, dicono i legali dei De Pedis - Tutte le notizie sulla banda della Magliana
  • Gli avvocati hanno anche sottolineato che Enrico De Pedis “è estraneo” alla vicenda Orlandi e hanno chiesto di smetterla con le “speculazioni” – La fotostoria del caso Orlandi
  • De Pedis, detto Renatino, morì in una sparatoria a Campo de Fiori il 2 febbraio 1990 - Caso Orlandi, Abbatino: "Renatino ordinò il sequestro"
  • Il nome di De Pedis entrò nel caso Orlandi dopo una telefonata arrivata nel 2005 alla trasmissione “Chi l'ha visto?” che suggeriva di andare a vedere chi fosse sepolto nella cripta di Sant'Apollinare per capire la verità sulla scomparsa della ragazza – Gli aggiornamenti sul caso Orlandi
  • I magistrati romani titolari dell’inchiesta sul caso Orlandi hanno disposto la ricognizione sui resti di De Pedis, avvenuta il 14 maggio scorso - Caso Orlandi, il corpo nella tomba corrisponde a De Pedis
  • Visto il buono stato di conservazione è stato possibile capire subito che i resti nella basilica di Sant’Apollinare erano quelli del boss della banda della Magliana, come poi confermato anche dalle impronte digitali – Tutte le notizie su Enrico De Pedis
  • “Aspettiamo l’esito degli esami sulle altre ossa trovate nella cripta di Sant’Apollinare – ha detto Pietro Orlandi, fratello di Emanuela –. E ci auguriamo che il Vaticano aiuti a fare chiarezza, anche sul perché il corpo di De Pedis si trovasse lì” - Le parole del fratello di Emanuela Orlandi. Il video