Sisma in Emilia, il prima e il dopo: la fotogallery

La Torre di Novi, il duomo di Mirandola, la Rocca di San Felice sul Panaro, il Municipio di Finale Emilia. Ecco i danni causati dal terremoto su alcuni luoghi simbolo delle province di Modena e Ferrara
  • Novi, la Torre dell'Orologio, risalente alla prima metà del '700. E' stata colpita dal sisma del 29 Maggio. Il giorno dopo il sindaco ha dichiarato: “La torre è caduta, noi siamo in piedi” - Chiese e monumenti danneggiati
  • La Chiesa di San Francesco a Mirandola. E' una delle prime chiese francescane d’Italia, al suo interno è seppellita la famiglia di Pico della Mirandola - Crevalcore e Mirandola dopo il sisma
  • Un dettaglio del duomo di Mirandola. Di impianto tardo-gotico, fu costruito da Giovanni e Francesco I Pico - Gli sfollati di Mirandola
  • Il duomo di Mirandola. Altro luogo simbolo del sisma dell'Emilia, la sua costruzione risale al 1440, ma all'interno era stato più volte rimodernato - Crolla il duomo di Mirandola
  • L'Oratorio Ghisilieri di San Carlo (chiamato anche Chiesa Vecchia). Eretto nel 1685, ospitava una tela di Sant'Antonio da Padova (estratta dai vigili del fuoco) realizzata da Guercino e Benedetto Gennari Junior - San Carlo, l'estrazione della tela
  • Uno squarcio profondo sulla facciata del Comune di Sant'Agostino. Anche qui è stato messo in salvo un lampadario di Murano di grande valore. Costruito nel 1875, il Municipio sarà distrutto - Sant'Agostino, salvato un lampadario
  • Chiesa di San Giacomo in Roncole. Non si conosce la data di costruzione, ma è sicuramente anteriore al 1300 - Terremoto in Emilia, crollano i campanili
  • La chiesa di Buonacompra, frazione di Cento. Anche qui è stata messa in salvo una tela grazie all'intervento dei vigili - Buonacompra, il recupero della tela
  • La chiesa di Buonacompra, piccola frazione di Cento. Dedicata a San Martino di Tours, patrono del posto. Era stata rimodernata di recente - Sisma, da Modena a Ravenna. Le mappe e i dubbi degli esperti
  • Il Municipio di Finale Emilia. Il paese del modenese è stato uno dei più colpiti dalle scosse del 20 Maggio. Una bambina di 5 anni è stata estratta illesa dopo essere rimasta per due ore sotto le macerie - Alessandra: "Mia figlia estratta viva dopo 2 ore"
  • La Torre dell'Orologio di Finale Emilia. ""Con il crollo della Torre sono mille anni di storia che se ne vanno" ha commentato il sindaco Fernando Ferraiolo - Finale Emilia, crolla la torre
  • Chiesa di Sant'Agostino, altro campanile lesionato dal terremoto. Credits: Parrocchia Sant'Agostino - I danni fuori dall'Emilia
  • Duomo di Pieve di Cento, la cupola è crollata dopo le scosse del 29 Maggio. Sull'altare maggiore era ospitata una pala di Guido Reni. Credits: Parrocchia Pieve di Cento - Pieve di Cento: crolla una cupola
  • La Chiesa San Michele Arcangelo di Poggio Renatico. E' ritenuta una delle più antiche della Diocesi di Bologna. Il campanile è stato abbattuto per motivi di sicurezza - Ferrara, l'abbattimento di un campanile
  • Chiesa di San Felice sul Panaro. Il Comune del Modenese è stato uno dei più colpiti dalle scosse del 20 Maggio - Le case distrutte
  • La Rocca Estense di San Felice sul Panaro, è il principale monumento del paese. E' stata costruita intorno al 1332-40 dal marchese Obizzo III d'Este - L'epicentro del sisma
  • Una ciminiera di Bondeno risalente al 1916. Faceva parte di una fabbrica di conserve poi chiusa. E' stata in parte demolita grazie all'intervento del Genio Ferrovieri dell'Esercito - Abbattuta una ciminiera pericolante
  • Sant'Agostino Ceramiche, nota azienda del modenese. E' stata visitata dal Presidente del Consiglio Mario Monti durante il tour dei luoghi colpiti dal sisma - Il crollo alla Sant'Agostino Ceramiche