Liberata Kate Omoregbe, la nigeriana che rischia la lapidazione

Condannata a morte in Nigeria. Scappata in Italia e incarcerata per droga. Ora la donna è stata liberata ma la legge italiana prevede l'espulsione. Se dovesse tornare in patria verrebbe uccisa. Per lei si sono mobilitati diverse associazioni per i diritti umani e i ministri Frattini e Carfagna. GUARDA LE FOTO
  • Kate Omoregbe è scappata dalla Nigeria dieci anni fa per aver rifiutato un matrimonio combinato ed essersi convertita al cattolicesimo La storia simile di Sakineh
  • Sulla donna pende una condanna alla lapidazione nel suo paese d'origine Gli altri casi di lapidazione in sospeso
  • In Italia Kate Omoregbe ha scontato quattro anni di detenzione per droga nel carcere di Castrovillari (Cosenza) Il movimento dei Diritti Civili di Franco Cordelli
  • Secondo la legge italiana il suo reato comporta la revoca del permesso di soggiorno e l'immediata espulsione
  • Diverse associazioni si sono mobilitate in difesa della donna, che ha presentato richiesta d'asilo politico
  • I ministri Frattini e Carfagna si sono attivati per aiutare Kate Omoregbe, che ha ottenuto il pieno sostegno della Regione Calabria
  • La donna, in attesa dell'asilo, ha dichiarato che vorrebbe restare in Italia per laurearsi: il ritorno in patria vorrebbe dire andare in contro all'esecuzione