Napoli, esplode la rabbia per i rifiuti: roghi e proteste

La "monnezza" è tornata a invadere le vie della città. A Pianura in 200 sono scesi in strada sparpagliando l’immondizia lungo la carreggiata. I vigili del fuoco: una ventina di incendi nelle ultime ore. LE FOTO
  • Si fa sempre più tangibile l'insofferenza dei cittadini di Napoli e provincia contro l'emergenza rifiuti. Nella notte tra il 18 e il 18 giugno a Pianura circa duecento persone sono scese in strada per sparpagliare l'immondizia lungo la carreggiata - De Magistris parte dai rifiuti. E annuncia una "rivoluzione"
  • Sul posto si sono recati le forze dell'ordine e, intorno alle 3,45, la situazione è tornata alla normalità con la rimozione della spazzatura e il ripristino della viabilità - Emergenza rifiuti, tutte le foto
  • Analoga protesta si è verificata anche nel centro storico, nella zona di Montecalvario: in via Concordia la circolazione è stata bloccata a causa dell'immondizia sparsa lungo la strada da ignoti - De Magistris parte dai rifiuti. E annuncia una "rivoluzione"
  • Secondo quanto informa la centrale operativa del comando provinciale dei vigili del fuoco, nella notte sono stati circa venti i roghi appiccati ai cumuli di rifiuti, da giorni in strada, dai quali si leva un odore nauseabondo - Emergenza rifiuti, tutte le foto
  • Si fa sempre più tangibile l'insofferenza dei cittadini di Napoli e provincia contro l'emergenza rifiuti. Nella notte tra il 18 e il 18 giugno a Pianura circa duecento persone sono scese in strada per sparpagliare l'immondizia lungo la carreggiata - De Magistris parte dai rifiuti. E annuncia una "rivoluzione"