Milano, tassista aggredito per aver investito un cane

Luca Massari, 45 anni, è stato ridotto in coma dopo aver investito inavvertitamente un cane sfuggito ai suoi padroni perché senza guinzaglio. Calci, pugni e ginocchiate: un pestaggio al quale hanno preso parte almeno tre persone. LE FOTO
  • Il luogo dove il tassista è stato ferito, largo Camillo Caccia Dominioni, è nei pressi dello Stadera, quartiere da sempre definito "difficile", una delle roccaforti della criminalità organizzata e di quella comune, alla periferia sud di Milano - Tre persone sono state arrestate per il pestaggio al tassista
  • Forze dell'ordine presidiano la zona dove è stato aggredito il tassista
  • Il primo che ha osato rompere il muro di silenzio, raccontando agli inquirenti quello che aveva visto ha pagato: ha trovato la sua auto distrutta dalle fiamme. Completamente bruciata - De Corato: "Pesante clima mafioso"
  • Un ragazzo mostra il fondoschiena agli uomini delle forze dell'ordine che presidiano la zona dove è stato aggredito il tassista
  • Forze dell'ordine presidiano la zona dove è stato aggredito il tassista
  • Il caso è presto sfociato in una polemica sulla sicurezza tra Lega e centrosinistra - La Lega: permettere agli autisti di girare armati. Il Pd si oppone
  • Verso le 13,30 di domenica 10 ottobre in Largo Caccia Dominioni, zona Corvetto-Rogoredo, Luca Massari si è improvvisamente trovato davanti alle ruote un cagnolino e non è riuscito ad evitarlo. Sceso dalla macchina è stato picchiato e ridotto in coma
  • La zona di Milano dove il tassista è stato ridotto in fin di vita