Roma contro razzismo e omofobia: "siamo 200 mila"

La manifestazione, che ha raggiunto quest'anno il ventesimo anniversario dal primo corteo antirazzista organizzato nell'89 per l'uccisione dell'immigrato senegalese Gerry Masslo, è stata organizzata da un comitato che comprende associazioni, sindacati, comunità di stranieri in Italia, ong, artisti e intellettuali
  • Roma, 17 ottobre 2009. Sono 200 mila, secondo gli organizzatori, i manifestanti che hanno partecipato al corteo a Roma contro il razzismo
  • La manifestazione ha raggiunto quest'anno il ventesimo anniversario dal primo corteo antirazzista organizzato nell'89 per l'uccisione dell'immigrato senegalese Gerry Masslo
  • Sono almeno 200 mila, secondo gli organizzatori, le persone che hanno preso parte al corteo contro il razzismo per le vie del centro di Roma
  • Manifestazione indetta per protestare contro le politiche del governo in materia di immigrazione e sicurezza
  • Alcuni manifestanti reggono in mano un santino con lo slogan 'San papier'. Un gioco di parole che scimmiotta la definizione francese 'sans papiers' ovvero senza documenti
  • Il lungo corteo si è incamminato poco prima delle 15 dietro lo striscione di testa 'no al razzismo, al reato di clandestinità, al pacchetto sicurezza'
  • Corteo organizzato da quasi 500 sigle dell'associazionismo e del sindacato per manifestare la contrarietà alle politiche del governo in materia di immigrazione e di sicurezza
  • In piazza il popolo di "San Papier", il santo con le sembianze di immigrato, icona ormai adottata dai movimenti per reclamare permesso di soggiorno subito e pari diritti
  • In piazza anche gli studenti dell'Onda che mettono da parte la protesta contro il ministro Gelmini per puntare il ministro Maroni: decine di canotti gonfiabili riportano la frase: sui gommoni ci vogliamo solo Maroni
  • Una "manifestazione contro il razzismo di Stato", quella che vede migliaia di immigrati, esponenti sindacali e politici sfilare per le vie del centro di Roma