Rave Party: il divertimento sfida la società

Il rave party è una sfida alla società e alle sue regole. Una sfida che spesso costa però delle vite umane. Dalla fine degli anni Ottanta a oggi, ripercorriamo, attraverso le foto, la storia di una delle controculture giovanili più misteriose dei nostri tempi.
  • Il termine “Rave” significa, tradotto letteralmente, delirare, andare in estasi. Il rave party è quindi una festa che presuppone la volontà, da parte di chi partecipa, di superare i limiti del divertimento. Ma, purtroppo, c'è chi esagera - Dall'album di RodrigoFavera
  • Il fenomeno nasce sul finire degli anni Ottanta, e gli ingredienti principali sono la musica elettronica, un'attitudine alla vita libera e senza catene tipica degli hippy e il nichilismo punk - Dall'album Barbara_76
  • I rave party, che spesso radunano migliaia di persone richiamate dai ritmi incalzanti della musica techno, derivano dai free party anni Settanta, eventi musicali itineranti e totalmente liberi a cui prendono parte esponenti di differenti sottoculture - Dall' album di Apenas Imagens 2 / Marília Almeida
  • Un concetto chiave della cultura rave è quello di “T.A.Z”, Temporary Autonomy Zone. Sono zone temporaneamente autonome, spesso fabbriche dismesse, che vengono occupate illegalmente per la durata del party - Dall'album di aghia.sophie
  • Il nichilismo del punk è estremizzato, e quella del rave diventa la controcultura per eccellenza. Non vi sono prodotti culturali tipici e l'obiettivo diventa non lasciare tracce (o quasi), evitando di essere inglobati dalla cultura dominante - Dall'album di #PrOtOtIpO23
  • Il rave è l'espressione della libertà individuale: chi vi partecipa può dare sfogo alla propria creatività, che si esprime principalmente nell'abbigliamento e nelle decorazioni corporee come tatuaggi o piercing - Dall'album Scoot Stimeare Photo-Graffiti
  • … e c'è anche chi ama sbizzarrirsi inventandosi capigliature vistose e bizzarre - Dall'album di rhurtubia
  • Ovviamente, a una festa di eccessi, dominano i colori fluo, che si ritrovano nell'abbigliamento e negli accessori - Dall'album di Eric Greer -
  • La parola d'ordine è sempre libertà, e ognuno è autorizzato a mostrare un'immagine di sé libera e sincera, lontana dagli schemi imposti dalla società - Dall'album di rhurtubia
  • Anche la libertà nell'abbigliamento viene spinta oltre ogni limite, dando origine a strani ibridi che raccolgono elementi di differenti stili e culture - Dall'album di James Nash (aka Cirrus)
  • E ovviamente, a un party senza regole, il consumo di droghe e all'ordine del giorno. Le più gettonate sono MDMA (principio attivo dell'ecstasy) e Ketamina (anestetico usato per sedare animali di grossa taglia - Dall'album di Alessandro Boselli
  • E fra le migliaia di giovani che vogliono esprimere la propria creatività o semplicemente ballare, c'è chi purtroppo rimane vittima dell'eccesso - Dall'album di RodrigoFavera