Foggia, bimbo di 14 mesi ingerisce hashish pensando fosse cioccolata

Foto d'archivio (Getty Images)
1' di lettura

L'episodio è accaduto lo scorso venerdì 17 novembre a Cerignola. Il piccolo, che ha rischiato di morire, ora è fuori pericolo 

Ha ingerito un pezzettino di hashish credendo che fosse cioccolata ed è finito in ospedale dopo un malore. È quanto avvenuto in un'abitazione di Cerignola, Foggia, a un bambino di appena 14 mesi, ora fuori pericolo di vita.

L'accaduto

Il piccolo, secondo quanto reso noto dai carabinieri della Compagnia di Cerignola che indagano sul caso, è stato ricoverato d'urgenza lo scorso venerdì 17 novembre, all'ospedale Tatarella di Cerignola per via di complicazioni respiratorie. Dopo un iniziale aggravamento delle sue condizioni, il bambino è stato trasferito agli Ospedali Riuniti di Foggia dove, dagli esami clinici eseguiti, è emerso che il piccolo era positivo al tch, il principio attivo della marijuana. I genitori, incensurati, hanno raccontato agli inquirenti che il figlio avrebbe ingerito la sostanza stupefacente pensando che fosse cioccolata. Fortunatamente i medici del reparto di rianimazione degli Ospedali Riuniti di Foggia sono intervenuti tempestivamente evitando ulteriori complicazioni.

Leggi tutto
Prossimo articolo