Dal Vesuvio arriva il pane fatto con acqua di mare

Il pane è stato presentato a San Sebastiano al Vesuvio ed è prodotto utilizzando l'acqua di mare (Archivio Ansa)
2' di lettura

Nato da una collaborazione tra Unipan, Termomar e Cnr, il prodotto è stato presentato a San Sebastiano. Obiettivo: rilanciare l'immagine del vulcano partenopeo, ferito dagli incendi, attraverso una delle eccellenze della gastronomia locale

Dal Vesuvio arriva in tavola il pane prodotto con farina e acqua di mare. Il prodotto, frutto di una collaborazione dei panificatori associati all'Unipan e di Termomar e Consiglio Nazionale delle Ricerche è stato presentato nella sede regionale Unipan a San Sebastiano al Vesuvio (Napoli).

I vantaggi dell'acqua di mare

L'uso dell'acqua di mare ha un duplice vantaggio, spiega il presidente campano di Unipan, Domenico Filosa: è indicata per chi deve seguire una dieta povera di sodio e consente inoltre di risparmiare acqua potabile. Durante la lavorazione del pane, infatti, viene utilizzata acqua di mare depurata microbiologicamente pura, a uso alimentare, ottimo sostituto del sale comune e iodato. Si tratta di un prodotto realizzato dalla Steralmar di Bisceglie sulla base di una collaborazione con il Cnr. L'acqua marina, prima di essere imbottigliata, subisce processi di decantazione, filtrazione, depurazione e sterilizzazione con raggi Uv per eliminare microrganismi anche patogeni e garantisce l'apporto di sali minerali come magnesio, calcio, potassio, fluoro e iodio.

Rilanciare l'immagine del Vesuvio

"L'idea è far sì che il pane diventi un prodotto campano da esportare nel resto d'Italia, una sorta di nuovo pane vesuviano che potrebbe diventare un brand nazionale", ha detto il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli alla presentazione dell'iniziativa. "Vogliamo ripartire da questo prodotto per rilanciare l'immagine del Vesuvio dopo gli incendi delle scorse settimane".

Leggi tutto
Prossimo articolo