Energy drink falsi, maxi sequestro di lattine a Torino

Le fiamme gialle hanno scoperto che le lattine venivano vendute a 5 euro nelle zone della movida (Ansa)
2' di lettura

Le bevande energetiche con marchio contraffatto, 15mila in tutto, sono state scoperte dalla Guardia di finanza all'interno di magazzini abusivi, uno anche nel Milanese. Denunciate otto persone

Oltre 15mila lattine di un noto energy drink con il marchio contraffatto sono state sequestrate dalla Guardia di Finanza di Torino e del Comando provinciale di Milano. Le bevande venivano vendute a 5 euro l'una nelle zone della movida torinese, per un giro d'affari stimato in oltre 100mila euro.

Il sequestro degli energy drink

Le 15mila lattine sono state rinvenute dai finanzieri all'interno di frigoriferi, nascoste in magazzini abusivi nel milanese e in due quartieri storici di Torino: Porta Palazzo, sede del famoso mercato, e San Salvario, dove a giugno si verificarono scontri in seguito a una “retata” della polizia per l'applicazione dell'ordinanza anti-vetro.

Le bevande contraffatte

La società finita nel mirino delle fiamme gialle, gestita da un 40enne italiano e da un 50enne di origini kosovare, importava dal Kosovo le lattine di una bevanda contenente una percentuale di Taurina inferiore all'originale, sulle quali venivano poi apposte le etichette del noto energy drink. I prodotti, anche quelli sequestrati a Milano, erano tutti destinati al mercato torinese, dove rifornivano in particolare negozi gestiti da imprenditori originari del Bangladesh.

Giro d'affari di 100mila euro

Le lattine venivano vendute dagli ambulanti abusivi nelle zone della movida torinese al costo di 5 euro, cioè almeno cinque volte il prezzo di mercato, e avrebbero fruttato un guadagno di più di 100mila euro. Otto persone tra cui un italiano, un albanese, un nigeriano, due cinesi e tre bengalesi dovranno ora rispondere di vendita di prodotti contraffatti, ricettazione e frode in commercio nel settore alimentare.

Leggi tutto
Prossimo articolo