Torino, donna senza lavoro da 5 mesi si dà fuoco all’Inps: è grave

2' di lettura

La 46enne, che ha riportato ustioni sul 70% del corpo, è stata licenziata lo scorso gennaio da un'azienda di Settimo Torinese. Gli impiegati: fiamme divampate "in mezzo alle persone che aspettavano il loro turno agli sportelli"

Una donna di 46 anni si è data fuoco all’Inps di Torino, in corso Giulio Cesare. Le fiamme le hanno provocato ustioni sul 70% del corpo. La donna, residente a Settimo Torinese, era disoccupata e, secondo le prime informazioni, sarebbe stata disperata proprio perché da tempo non trovava un lavoro dopo essere stata licenziata lo scorso 13 gennaio. Fino a 5 mesi fa era impiegata in un'azienda multiservizi di Settimo Torinese. Ma le cause del gesto, al momento, sono ancora in fase di accertamento da parte della polizia intervenuta sul posto.

Ustioni su due terzi del corpo

Per darsi fuoco la donna avrebbe utilizzato una bottiglietta di liquido infiammabile che aveva con sé. Ora è ricoverata in gravi condizioni all'ospedale Cto, con ustioni che ricoprono i due terzi del corpo, compreso il volto. Secondo le prime informazioni sarebbe in pericolo di vita.

"Si è data fuoco in mezzo alle persone"            

I dipendenti dell’Inps che hanno assistito alla scena hanno descritto così quanto è accaduto: "Si è data fuoco qui, in mezzo alle persone che aspettavano il loro turno agli sportelli. Aveva il volto avvolto dalle fiamme, è stato terribile". Sono stati proprio gli impiegati a soccorrerla, usando degli estintori. Subito dopo la donna è stata portata all’ospedale San Giovanni Bosco ed è stata intubata per essere trasferita al centro grandi ustionati del Cto.

Leggi tutto