Si fingeva corriere per truffare gli anziani, arrestato 31enne

Una vettura dei carabinieri (ansa)
2' di lettura

Con due complici aveva messo a segno truffe per oltre 5mila euro ai danni di alcuni residenti della Costiera Amalfitana

Resistenza a pubblico ufficiale e concorso in truffa e furto. Questi i reati contestati a un 31enne di Napoli che, insieme a due donne di 21 e 28 anni, erano riusciti a raggirare diversi anziani fingendosi dei corrieri e facendosi consegnare ingenti somme di denaro in cambio di un pacco che in realtà era vuoto.

In fuga dai carabinieri

La scoperta dei tre complici è stata fatta nel pomeriggio del 6 giugno dopo che i militari della Stazione di Positano, nei pressi del comune di Praiano, li hanno fermati mentre viaggiavano a bordo della loro auto. Dopo aver chiesto loro i documenti per un controllo, i carabinieri sono stati raggiunti da un anziano del posto che chiedeva aiuto sostenendo di essere stato truffato pochi minuti prima. Allarmato dalla presenza dell'uomo, il presunto ladro si è immediatamente dato alla fuga facendo perdere le proprie tracce. Da un successivo racconto della vittima, i militari hanno scoperto che, qualche minuto prima, il fuggitivo, fingendosi corriere, tratto in inganno la sua vittima grazie a una telefonata con un finto nipote, che avrebbe convinto l'ignaro anziano a consegnare al trentunenne 4mila euro in contanti in cambio di un pacco in seguito rivelatosi vuoto.

Il denaro recuperato

Successive indagini hanno portato i carabinieri della Stazione di Tramonti, a scoprire che già nella mattinata, e con lo stesso modus operandi, l'accusato avrebbe portato a termine un'altra truffa ai danni di un altro anziano del posto, sottraendogli circa mille euro. Dopo essere state portate in caserma per gli accertamenti, le due presunti complici sono state perquisite dai militari che hanno trovato nascosti nei loro vestiti oltre 5mila euro e un documento d'identità appartenente ad un altro uomo di Tramonti che aveva denunciato il furto del proprio portafoglio. La fuga del trentunenne è stata invece interrotta intorno alle due di notte nei pressi di Praiano, mentre cercava un passaggio per lasciare definitivamente il luogo. Ad arrestarlo sono stati gli uomini dell'Aliquota Radiomobile, dopo che l'uomo ha cercato di opporre resistenza al controllo, arrivando perfino a colpire i militari al volto. Dopo l'arresto il fuggitivo è stato condotto negli uffici della Compagnia di Amalfi da dove verrà accompagnato al Tribunale di Salerno per il rito direttissimo. La somma sottratta agli anziani è stata interamente recuperata.

Leggi tutto