Trapani, l'ex sottosegretario Vicari in procura restituisce il Rolex

Simona Vicari, deputata di Alternativa Popolare (LaPresse)
2' di lettura

La deputata di Alternativa Popolare è indagata dai magistrati per corruzione nell’ambito dell’indagine sugli affari dell’armatore Ettore Morace. "L’orologio? Lo consideravo un regalo di Natale"

"L'ho considerato un regalo di Natale, non gli ho dato alcun peso". Simona Vicari, ex sottosegretario ai trasporti, ha annunciato di aver riconsegnato ai magistrati di Palermo il Rolex regalatole dall’armatore trapanese Ettore Morace. L'orologio, secondo la tesi dei pm siciliani, le sarebbe stato donato in cambio della concessione di un emendamento alla legge di stabilità favorevole agli interessi dello stesso Morace.

Il regalo

"Alla luce di quanto accaduto, non lo accetterei", ha dichiarato Simona Vicari dopo l’interrogatorio reso oggi ai pm palermitani. Per la procura, il Rolex sarebbe una ricompensa per il sostegno che la Vicari avrebbe garantito ad un emendamento alla legge di stabilità che riduceva l'Iva sui trasporti marittimi per i passeggeri dal 10 al 5%. Un appoggio che avrebbe fatto risparmiare circa un milione e mezzo di euro all'armatore trapanese. Inoltre, sempre secondo l’impianto accusatorio dei pm siciliani, la stessa Vicari avrebbe fatto pressioni per evitare la nomina di un personaggio sgradito a Morace come consulente della commissione trasporti all'Assemblea regionale siciliana.

Le dimissioni

Dopo aver ricevuto l’avviso di garanzia per corruzione, nell’ambito dell’inchiesta che ha portato all’arresto, tra gli altri, proprio dello stesso armatore di Trapani, l’ex sottosegretario aveva dato le dimissioni dall’incarico ministeriale nel mese di maggio, dichiarando che in questo modo avrebbe potuto "meglio rappresentare all'autorità giudiziaria tutte le ragioni per le quali sono assolutamente estranea a quanto contestato".

Il coinvolgimento di Crocetta

L’indagine ruota attorno agli affari di Morace, che ha ereditato dal padre Vittorio la più grande compagnia marittima d'aliscafi europea, la trapanese Ustica Lines, in seguito ribattezzata Liberty Lines. Anche il governatore della Sicilia Rosario Crocetta aveva ricevuto l’avviso di garanzia per concorso in corruzione. A Crocetta viene contestato un atteggiamento di favoritismo nei confronti della compagnia di Morace in cambio di un bonifico di 5000 euro al suo movimento politico. Accuse respinte dal governatore

Leggi tutto
Prossimo articolo