Donna uccisa a Lodi, confessa un 42enne italiano

1' di lettura

L’uomo è crollato dopo un lungo interrogatorio e ha ammesso di aver ucciso la donna, una prostituta colombiana, in seguito a un raptus d’ira

Ha confessato l'uomo di 42 anni fermato per l'omicidio di una donna colombiana di 65 anni a Lodi. L’omicida, un italiano disoccupato, ha spiegato al termine di un lungo interrogatorio di avere agito in seguito a un raptus d'ira. A scatenare la rabbia dell’assassino, secondo il suo racconto, un mancato sconto sulla prestazione. E' stato quindi accusato di omicidio aggravato da futili motivi e crudeltà.

La vittima si prostituiva a Lodi nell'appartamento in cui è stata trovata morta, in via Moro, ma viveva con il figlio a Piacenza. La sua identità è stata accertata solo dopo gli esami della Scientifica.  

Le indagini si sono concentrate sulle ultime chiamate che la donna aveva ricevuto sui suoi telefonini e, dopo avere interrogato una quindicina di persone, il 42enne era stato fermato nelle ultime ore. Durante l’interrogatorio, la confessione. 

Leggi tutto