Don Librizzi: confermata la condanna per abusi su migranti

Persone davanti al tribunale di Trapani (Foto: archivio Fotogramma)
1' di lettura

Ex direttore della Caritas di Trapani, avrebbe approfittato della sua carica per estorcere favori sessuali a immigrati in attesa di asilo e ospiti della Caritas locale

Confermata in corte d'appello la condanna a 9 anni per don Sergio Librizzi, ex direttore della Caritas di Trapani, accusato di concussione e molestie sessuali. Dopo lunghe indagini, nel 2014 il prete venne arrestato dagli agenti della sezione di polizia giudiziaria del Corpo forestale. In cambio del rilascio dello status di rifugiati, approfittando del suo ruolo di componente della Commissione territoriale per il riconoscimento della protezione internazionale, avrebbe costretto alcuni richiedenti asilo a prestazioni sessuali.

 

La storia – Tutto sarebbe cominciato nel 2009 con le richieste di prestazioni sessuali ai migranti e disagiati aiutati dalla Caritas. Gli atti si sarebbero consumati nell'auto del sacerdote, in particolare con persone di sesso maschile, fino al 2014 quando l'uomo è stato fermato nella canonica della sua parrocchia di San Pietro a Trapani. Non è stato possibile ricostruire il numero complessivo degli abusi ma, dalle indagini della sezione di polizia giudiziaria della Forestale presso la Procura, sarebbero emersi almeno 8 casi.  

Leggi tutto