Morte Regeni, Egitto: non molleremo "finché il caso non sarà risolto"

1' di lettura

A dirlo è stato Tarek El Molla, ministro del Petrolio, a Ravenna per l'Offshore Mediterranean Conference 2017. "L'attenzione del governo sulla vicenda è al massimo livello", ha aggiunto. E sulla collaborazione con la Procura italiana: "Fatti grandi progressi"

L'Egitto “non mollerà” sulla vicenda di Giulio Regeni, il ricercatore italiano torturato e ucciso nel Paese a inizio 2016, “finché il caso non sarà risolto”. Lo ha assicurato il ministro del Petrolio egiziano Tarek El Molla, a Ravenna per l’Offshore Mediterranean Conference 2017. “L'attenzione del governo sul caso Regeni – ha detto El Molla – è al livello massimo. Posso confermare che sono stati fatti grandi progressi con la collaborazione tra la Procura italiana e l'Egitto. Stanno lavorando bene insieme”.

"Faremo ciò che serve" - Il ministro ha spiegato che “è prevista una visita in Egitto a inizio aprile da parte italiana per finalizzare la consegna di documenti richiesti dalla Procura”. Ha poi sottolineato che “Egitto e Italia sono amici da anni e continuerà così. Diamo valore a questo rapporto, faremo ciò che serve per risolvere la situazione”. Quanto all'Eni, presente in Egitto con molte attività, El Molla ha ribadito che non avrà “nessun impatto” dalla vicenda Regeni.

Leggi tutto