Lodi, anche Salvini a cena dal ristoratore che ha ucciso un ladro

1' di lettura

Il locale ha riaperto ieri e in molti hanno voluto portare la loro solidarietà a Mario Cattaneo. Il titolare ha raccontato che il colpo è partito dal suo fucile per sbaglio. Oggi l'autopsia sul corpo della vittima

Anche il leader della Lega Nord, Matteo Salvini, è stato ieri sera a cena all'Osteria dei Amis, dove la notte tra giovedì e venerdì scorsi il titolare, Mario Cattaneo, ha ucciso, dopo una colluttazione, un ladro che si era introdotto nel locale con alcuni complici. In mattinata si terrà l'autopsia sul corpo della vittima.

 

Il post di Salvini - "A cena a Casaletto Lodigiano all'Osteria dei Amis del signor Mario, brava persona aggredita - scrive su Facebook Salvini -. Ha difeso se stesso, la sua famiglia, i suoi nipotini: non merita un processo ma comprensione e solidarieta'". "Venite a trovarlo - conclude Salvini - sono una bellissima famiglia e la cucina e' fantastica. Io sto con  Mario, io sto con chi si difende, sempre".

 

 

La versione del ristoratore - Ieri erano stati numerosi, alla riapertura del ristorante, quelli che avevano portato solidarietà a Cattaneo. L’uomo, nel parlare coi giornalisti, ha raccontato che il colpo che ha ucciso il ladro è partito dal suo fucile “per sbaglio”, mentre lo trascinavano a terra” e che non sapeva nemmeno di averlo colpito l’uomo”.
Dall'autopsia sul corpo della vittima potranno arrivare nuovi elementi per ricostruire quanto accaduto. 

 

Leggi tutto