Iglesias, donna uccisa a coltellate: il marito ha confessato

1' di lettura

Il delitto dopo l'ennesima lite legata alla gelosia. La coppia non viveva più insieme da dicembre ma l'uomo, arrestato con l'accusa di omicidio, non accettava la separazione. Davanti al magistrato ha detto di aver compiuto l'assassinio. In passato lei lo aveva denunciato due volte, lui una

Ha confessato Gianni Murru, 46 anni, accusato di aver assassinato nell’androne della loro casa a Iglesias Federica Madau, 32enne originaria di San Gavino Monreale. Avrebbe ucciso la moglie con una decina di coltellate, alcune alla gola, dopo una lite legata alla gelosia e alla separazione. Separazione, avvenuta due mesi fa, che l’uomo non riusciva ad accettare. Davanti al magistrato, Murru avrebbe detto di aver utilizzato un coltello, colpendo la donna con tanta forza da rompere il manico dell'arma. Gli investigatori stanno valutando la premeditazione del delitto. Nell’appartamento, al momento dell'omicidio, c’erano le tre figlie della coppia. In passato la donna aveva denunciato due volte il marito per percosse e l'uomo, ora arrestato con l’accusa di omicidio, l'aveva querelata a sua volta.

La ricostruzione - Gli investigatori della Squadra mobile e gli agenti del Commissariato di Iglesias hanno lavorato tutta la notte per cercare di ricostruire quanto accaduto giovedì sera nella casa di via San Salvatore. La lite sarebbe avvenuta alle 20:30. Murru si trovava in casa con le tre figlie (di 4, 6 e 9 anni). Aveva trascorso la giornata con loro, poi ha chiamato la moglie, con la quale non viveva più insieme da dicembre, per dirle di andare a prenderle. La donna, che abitava con i genitori, ha raggiunto l'abitazione e sul portone di casa ha trovato l'uomo. I due avrebbero iniziato a discutere. Un litigio accesso. Poi l'uomo avrebbe trascinato nell'ingresso della palazzina la moglie per i capelli e l’avrebbe colpita con diverse coltellate, alcune alla gola. Una persona che passava da lì, sentendo le urla, ha chiamato la polizia. Gli agenti, arrivati sul posto, hanno trovato Murru con le mani sporche e la donna agonizzante, stesa sulle scale in una pozza di sangue. Accanto al corpo, il coltello usato per colpirla. Sono arrivati subito anche i medici del 118, ma per Federica Madau non c’è stato nulla da fare. "L'ho uccisa", avrebbe detto l'uomo ai poliziotti consegnandosi senza opporre resistenza. Quando gli agenti hanno sentito piangere le bambine hanno chiesto a Murru se avesse fatto male anche a loro: "No, le ho chiuse in casa, stanno bene".

Aveva denunciato il marito due volte - La donna aveva denunciato il marito per due volte, a gennaio e a febbraio. Da quanto si apprende, lo aveva accusato di percosse. Mesi prima, anche Murru aveva querelato la moglie. Il clima, secondo chi conosceva la coppia, era teso da tempo. I coniugi litigavano spesso. Sembra che l’uomo, che di recente aveva venduto un’attività commerciale e viveva grazie a piccoli lavoretti, non accettasse la volontà della moglie di separarsi. Alcuni mesi fa, al culmine di una furibonda lite, erano anche intervenute le forze dell'ordine per calmare i coniugi. La situazione era stata segnalata anche ai servizi sociali.

Leggi tutto