Venezia, sequestrati 2,8 milioni di articoli di Carnevale contraffatti

Sequestrati anche 60mila articoli di abbigliamento e accessori con marchi di moda contraffatti (Fotogramma)
1' di lettura

La Guardia di Finanza ha scoperto all’interno di alcuni magazzini di proprietà di società gestite da cinesi giocattoli, maschere e abiti non conformi. I prodotti venivano venduti ai turisti

La Guardia di Finanza ha sequestrato a Venezia oltre 2,8 milioni di articoli, tra abiti, maschere, trucchi e giocattoli risultati non conformi agli standard di sicurezza prescritti dalla normativa europea. Molti di questi erano sprovvisti della relativa marchiatura “Ce”, mentre altri ne avevano una contraffatta. Otto persone sono state denunciate.  

 

Prevenzione in vista del carnevale – Le indagini sono state portate avanti dalla task-force anticontraffazione del primo gruppo della Guardia di Finanza di Venezia. I baschi verdi, partendo da controlli di routine effettuati tra i commercianti operanti nei luoghi strategici del centro storico, sono riusciti a risalire ai magazzini di stoccaggio che sono risultati essere di proprietà di società gestite da cittadini di origine cinese. All’interno delle strutture, distribuite nella provincia di Venezia, sono stati sottoposti a vincolo cautelare tutti gli articoli che erano sprovvisti delle informazioni previste dal Codice del Consumo. L’operazione rientra in una serie di interventi finalizzati alla prevenzione e alla repressione della contraffazione per tutelare il mercato made in Italy e i consumatori, soprattutto in vista di una festa che porterà a Venezia milioni di turisti. Da inizio anno sono più di 3 milioni gli articoli che sono stati sottoposti a sequestro.

 

Anche abiti firmati – All’interno dei magazzini di stoccaggio i baschi verdi hanno sequestrato anche 60mila articoli di abbigliamento e accessori, riportanti il marchio contraffatto di grandi firme della moda come: Prada, Louis Vuitton, Colmar, Moncler e Gucci. 

Leggi tutto