Bari, carne e pesce scaduti in vendita: sequestro per 50mila euro

1' di lettura

Scoperto dai Nas oltre un quintale di merce in pessime condizioni di conservazione. Denunciata la titolare del negozio

Oltre un quintale di carne e di pesce scaduti e mal conservati sono stati sequestrati a Casamassima (Bari).  L’operazione è stata eseguita dai Carabinieri e dai Nas e riguarda merce il cui valore commerciale si attesta sui 50mila euro. Denunciata la titolare.

Conservazione in contenitori improvvisati – Gli accertamenti dei militari hanno portato alla scoperta di numerosi prodotti alimentari in cattivo stato di conservazione, ovvero privi dei requisiti di sicurezza imposti dalla normativa nazionale ed europea per la commercializzazione al pubblico. La negoziante, un'imprenditrice cinese, esponeva al pubblico prodotti ittici freschi e surgelati, nonché tagli di carne. La merce, secondo gli inquirenti, sarebbe stata confezionata in contenitori improvvisati, e quindi non in regola con le normative di riferimento.

Cibo scaduto in vendita - Gli alimenti erano dunque destinati alla vendita, sia all'ingrosso che al dettaglio, ma risultavano scaduti, oltre che conservati in precarie condizioni igieniche. I Carabinieri hanno proceduto dunque al sequestro degli alimenti, destinati al macero. La cittadina cinese titolare dell'attività è stata denunciata a piede libero. Nei suoi confronti sono state accertate infrazioni per una somma complessiva di 3mila euro.

Leggi tutto